08 ottobre 2012

Chieti - Per fare politica serve essere preparati ?



La politica deve rispecchiare tutta la società, quindi "la politica non deve essere di persone solo preparatissime". È la convinzione di Nicole Minetti, che è stata intervistata da Alessio Vinci a 'Domenica Livè su Canale 5'. "Io - ha risposto sull'origine della sua carriera come consigliera regionale del Pdl in Lombardia - nasco come una giovane che si è sempre interessata di politica fin da ragazza, ero una militante nella mia città, Rimini". Alla domanda: " Si merita dunque il posto al Pirellone? "Assolutamente sì, perchè sono una giovane con tanta voglia di fare", ha risposto Minetti senza esitazione, eletta nel 2010 nella lista Formigoni. Quanto alle polemiche sui costi della politica, la consigliera del Pdl ha spiegato di guadagnare "intorno agli 8.500 euro" e che potrebbe vivere anche con la metà: "L'ho fatto in passato e lo rifarei". Io dopo averla sentita, mi limito a dire che ha perfettamente ragione e lei ci spiega, se non lo avessimo capito, perchè l'Italia, dopo anni di mal governo è finita in questa situazione catastrofica. Il tragico è chè nessuno a tutt'oggi ha ancora pensato di metterci riparo. Importante, per i politici oggigiorno è apparire belli anche se non competenti. Così Berlusca e altri hanno fatto la loro fortuna politica. Quindi come darle torto! Le persone VERAMENTE intelligenti sono anche ONESTE, perchè l'intelligenza, senza onestà, si chiama FURBIZIA e quella, ormai, abbiamo imparato a conoscerla molto bene!

nonnoenio

18 commenti:

  1. non occorreva mica che ce lo dicesse lei. Solo a vederla lo abbiamo intuito da soli.

    RispondiElimina
  2. Qualcuno qui si rende conto che per 50 anni mezza Italia ha teorizzato la Dittatura del Proletariato e che del proletariato tutto si può dire tranne che sia "preparato"?

    Inoltre, che l'Italia sia finita in questa "situazione catastrofica" per anni di malgoverno è una delle tante balle colossali di cui si beano gli Italiani di cui sopra.

    L'Italia è il risultato dei vizi e delle virtù degli Italiani. Visto che siamo un popolo di guitti, cialtroni e malfattori, il resto viene di conseguenza. E scusate se rido dello stringersi a coorte (che la maggior parte degli Italiani non hanno la più pallida idea di cosa sia).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tra i vizi e le virtù degli italiani, cosa abbiamo cumpà? Tra i vizi, gli impiegati pubblici ed i pensionati. Tra le virtù... ma è ovvio!! Te, cumpà!!!

      Ciao Cumpà, mi mancavano le tue perle di saggezza e, poi, ricordarci che abbiamo scampato la "dittatura del proletariato" ci fa molto piacere! Meglio la dittatura di un centrodestra fatto di indegni, come la signorina qua sopra ma anche la dittatura neoliberista, quella che oggi ci sta spolpando vivi, non è male!!!!! Basta munirsi di tanta vasellina e neanche ci si fa caso!!!!

      Elimina
    2. La dittatura del proletariato l'abbiamo scampata perché in Italia anche i proletari non sono fessi ma furbi.

      Hanno preferito andare in vacanza alle Maldive piuttosto che farsi il culo in miniera per il premio Stakanov e una bottiglia di vodka al metanolo.

      E poi i figli dei proletari, che studiavano, sono diventati direttori di giornale, rettori universitari, membri dei consigli di amministrazione, magistrati, primari, eccetera. Ovviamente sempre col cuore a Stalingrado e tutto il resto alle Maldive.

      La "dittatura neoliberista" è cominciata come una frottola ma ora a furia di ripeterla è diventata una allucinazione utile a dare un senso a gente che ha accollato alle generazioni future il costo delle proprie vacanze alle maldive.

      Perché, nel caso a qualche ciccio fosse sfuggito, ogni bambino in Italia viene al mondo con oltre 30 mila euro di debito.

      Elimina
  3. Ce ne sono fin troppi di "furbetti" in giro.

    RispondiElimina
  4. ma tanta voglia di fare che???

    RispondiElimina
  5. "Facciamo più quello che è giusto, invece di quello che ci conviene. Educhiamo i figli ad essere onesti, non furbi." Tiziano Terzani, "Lettere contro la guerra"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terzani lo sapeva che i figli vengono al mondo coi trentamila euro di debito che ho citato sopra?

      Cosi, per dire... Mi sfugge il concetto di "onestà".

      Elimina
  6. cara Minetti, cambia mestiere e torna a studiare perchè nonostante le tue lauree non brilli certo per cultura. Da quando sei consigliere aqlla Regione Lombardia cosa hai fatto?. E' molto facile spararle grosse alla stampa caciarona, fare servizi e book fotografici, e stare solo li seduta ed alzare la manina per esprimere il tuo voto. Avanti tutta, avanti così che in Italia va sempre peggio!adesso riavremo anche il Cavaliere che torna prepotentemente in sella azzerando addirittura il suo partito.

    RispondiElimina
  7. Continuo a pensare che la politica è la disciplina più intelligente che vi sia, mancano i cervelli in grado di contenerla e applicarla ... del resto, basta guardare la tipa o pensare che c'è stato un consigliere come il Trota...

    Buon pomeriggio Nonno Enio ;-))

    RispondiElimina
  8. Mia mamma l'altro giorno mi diceva che concorda con Renzi sul fatto di rottamare vecchi politicanti e gentaglia in politica. Io ho detto invece che vorrei sopprimerli perché una volta usciti dalla porta rientrano dalla finestra e non te ne liberi più.

    RispondiElimina
  9. Ciao Enio. Non capisco cosa voglia intendere la signorina, quando usa il termine "preparatissime". Se si riferisce ad un buon bagaglio culturale, non sono d'accordo. Cultura significa anche capacità e chi non le ha, non se le può inventare. Più in generale, chi fa politica dovrebbe rappresentare tutta la società e per la stessa impegnarsi... e non, come fanno i nostri politici da sempre, per questo o quel campanile. Per i campanili, ci sono i sindacati. Il politico ha tutt'altra funzione.

    Temo che la tipa volesse intendere cultura e, infatti, fa parte di quella lunga schiera di politicanti che il centrodestra, nell'ultimo ventennio, ha foraggiato a spese delle nostre tasche.

    Mi chiedevo: chissà se la tipa potrebbe vivere anche con 800 euro al mese?

    RispondiElimina
  10. @Carlo

    la tipa sta tirando a campare per arrivare a fine legislatura per beccarsi il vitalizio e fare una vita da gran signora alle nostre spalle e ci fa sapere che dopo è anche in grado di guadagnarsi il "pane" in altro modo sfruttando quelle "qualità" che le hanno permesso di arrivare lì e un domani le permetteranno di ripartire per nuovi lidi... senza dover lavorare. Lei c'è riuscita a differenza di tante altre che hanno dato e si sono dovute accontentare di pochi spiccioli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vitalizio in Italia non si nega a nessuno. Vai a vedere i dipendenti RAI.

      Elimina
  11. @Lorenzo

    per fortuna che c'è la magistratura che ogni tanto fa una bella pulizia di questi furbi arrivati come la signorina, ad occupare uno scranno che forse in condizioni normali non ci sarebbe riuscita. Adesso si aspetta solo l'azzeramento della giunta regionale, definita da Formigoni:" la più onesta d'Italia, dove tutti i consiglieri hanno giurato due volte sulla loro onestà". Per adesso siamo a 14 indagati compreso lui per fatti poco chiari. Staremo a vedere gli sviluppi, tanto noi di tempo ne abbiamo...

    RispondiElimina