28 aprile 2012

Evadere le tasse è diventato uno sport nazionale


Altro che minacciarli con gli spot sui principali canali televisivi, altro che farsi intimorire dalle urla di Napolitano, gli italiani è risaputo: evadono le tasse da sempre e cercano di evaderle appena possono. La GDF cerca in tutti i modi di recuperare il "mal tolto" al fisco e noi lì a sperare che questi soldi vengano poi reinvestiti nell'azienda Italia, in modo che ne possano beneficiare tutti. Fino ad oggi tutti questi soldi recuperati, sono stati ingoiati dall'immenso debito pubblico, che invece di decrescere continua ad aumentare inesorabilmente. C'è il bar di la Thuile, rinomata località sciistica della Val d'Aosta, che in cinque anni ha nascosto 350 mila euro di redditi e la pasticceria di Reggio Calabria apprezzata in tutta la città, che in soli 2 anni ha «dimenticato» di dichiarare 400 mila euro; c'è l'albergo di Grado che si è guardato bene dal dichiarare i 500 mila euro di ricavi dopo il «tutto esaurito» delle ultime stagioni e c'è il fotografo di Venezia che, tra uno scatto e l'altro ai matrimoni, ha nascosto allo Stato incassi per 200 mila euro. Mentre la politica rinnova al presidente del consiglio, Mario Monti, l'invito ad alleggerire la pressione fiscale, i dati della guardia di finanza sulla lotta all'evasione fiscale nel primo trimestre dell'anno ricordano, se ce ne fosse ancora bisogno, che l'Italia dei furbetti è, purtroppo, sempre viva. E non fa distinzioni tra nord e sud, continuando imperterrita a infischiarsene dei controlli. I dati sono impietosi: dall'inizio dell'anno i finanzieri hanno scoperto oltre duemila evasori totali, che hanno nascosto al fisco redditi per 6 miliardi di euro. Vuol dire che ogni giorno 50 milioni vengono sottratti alle casse dello Stato. A questi bisogna aggiungere altri 650 milioni di Iva non pagata, cioè altri 5,4 milioni ogni giorno dall'inizio dell'anno. Una voragine senza fondo per i conti pubblici già dissestati, che finisce per gravare sulle spalle dei contribuenti onesti. Ma i numeri dicono anche un'altra cosa, pure questa tutt'altro che rassicurante: «nessuna categoria è potenzialmente da escludere». Oggi evadono un pò tutti.

nonnoenio

47 commenti:

  1. l'evasione, la piaga che ha portato l'italia vicina al baratro e Monti con tutti questi soldi recuperati, fa pagare sempre le classi che hanno sempre sbursato al fisco. Sarebbe ora di invertire la tendenza.Oltre agli evasori che è sacrosanto stanare, bisogna anche mettere ordine nelle spese. Ed è per questo che bisogna al più presto eliminare le inutili province, i piccoli comuni e dimezzare il numero dei parlamentari. Altrimenti faremo la fine di Spagna, Belgio e Yugoslavia.

    RispondiElimina
  2. Ma come si fa a nasconderre i reddito di un'attività che ha clientela, muri, licenza ecc per 5 anni? Mi sembra alquanto strano.

    Ben vengano i controlli dei finanzieri ma mi sa molto che lo Stato non abbia effettuato in passato un briciolo di controllo sul territorio.....

    RispondiElimina
  3. @Luca:
    "l'evasione, la piaga che ha portato l'italia vicina al baratro"
    Assolutamente FALSO.
    Al contrario l'evasione è quello che ci ha salvato fino ad adesso. Infatti se c'è ancora della ricchezza a cui attingere è perché l'Italia ha una certa quota di "economia sommersa".
    Quello che ci ha portato al fallimento è la spesa troppo elevata e, tra parentesi, anche improduttiva. Basti pensare ai soldi buttati per fare "assistenzialismo" per cinquant'anni che non hanno prodotto alcun ritorno in termini di sviluppo del Meridione.

    "Ed è per questo che bisogna al più presto eliminare le inutili province, i piccoli comuni e dimezzare il numero dei parlamentari."
    E' solo demagogia.
    I parlamentari sono meno di mille e, per quanto non stiano simpatici a nessuno, incidono in maniera irrilevante sulla spesa.
    Le competenze (e i dipendenti) di Provincie e Comuni andrebbero comunque trasferiti alle Regioni. Siccome un dipendente della Regione Sicilia costa al cittadino 15 volte un dipendente della Regione Lombardia, non cambia nulla in termini di "risparmio" e di "gestione". Quello che non funziona è il meccanismo per cui esistono dei "centri di spesa" che ricevono finanziamenti dallo Stato a "piè di lista", cioè la spesa non è collegata alla autonomia impositiva e alla necessità di auto-finanziarsi.

    @Luigi:
    Esistono vari modi per eludere il fisco. In alto si va da uno studio di avvocati che fornisce il servizio per creare e gestire società site in "paradisi fiscali", poi si procede a creare un sistema di società controllanti e controllate che tramite opportuni artifici contabili riduce al minimo le tasse dovute al fisco italiano. In basso si utilizzano trucchetti tipo non battere lo scontrino o accordarsi con fornitori e clienti per generare un giro di fatture fasulle che permettano di scaricare l'IVA oppure si gioca un po' col bilancio.

    Solo i cretinetti sono "evasori totali", cioè dichiarano reddito zero e vanno in giro con le auto di lusso. La maggior parte, più intelligentemente, si limita ad eludere il fisco il più possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... occhio!! Questo è un evasore conclamato! Se tutti pagassero le tasse, di soldi ne avanzerebbero tanti anche con le "inutili" spese per pensionati ed impiegati pubblici!!!!

      Elimina
    2. Eh si, abbiamo appena scoperto un nuovo principio della fisica per cui per ogni persona che produce 100 euro possono esistere tre persone che consumano 100 euro. Semplice, basta chiedere al primo di pagare 300 euro di tasse.

      Minorato.

      Elimina
  4. Ah comunque bisogna dire la verità.

    In Italia col tempo si sono create due classi, quelli che producono ricchezza, sempre meno e quelli che consumano la ricchezza prodotta, sempre di più.

    Siccome chi consuma la ricchezza adesso ha le chiappe strette, ecco che la "evasione fiscale" diventa la massima priorità. NON tagliare la spesa, come invece sarebbe logico. Perché ovviamente tagliare la spesa si traduce nel tagliare l'assistenzialismo, quindi i MILIONI di posti di lavoro e pensioni FASULLI con cui sono mantenuti gli Italiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... sbagliato! In Italia ci sono quelli che rubano e sono tanti e quelli che si alzano tutte le mattine e onestamente cercano di sbarcare il lunario, e sono pochi! Tagliamo gli evasori e non in senso metaforico, tagliamogli la testa così impiegati pubblici e pensionati vivranno più felici!

      Elimina
    2. Si certo, con le esecuzioni sommarie ci ripaghiamo i 30 - 40 mila euro di debito a testa. Coglione.

      Elimina
  5. fino a quando per il cittadino non sarà possibile scaricare dalle proprie tasse le ricevute di pagamento e il limite del denaro contante a 100 euro , avremo sempre un maggior numero di evasori... venerdì sono stato dal dentista, giorno di ortodonzia bimbi, c'erano più di 40 unità in sala d'attesa e le memme pagavano le prestazioni in contanti a tocchi di 250 euro per volta e la segretaria non si è neanche sognata di fare una ricevura...

    RispondiElimina
  6. Che strano, si svegliano solo ora. Dov'erano finora tutti i finanzieri? Tutti imbucati in ufficio? Avanti, fate il vostro lavoro con solerzia, che qui in Italia ce ne sono tanti altri di furbetti. E' arrivato il tempo della riscossa!! Possibile che debbano pagare fino all'ultima goccia di sangue, sempre i soliti??!! negli U.S.A adesso dormirebbero in galera.. e poi perchè non si possono conoscere i nomi e i cognomi di questi "signori".Perchè lo sfigato che ruba al supermercato si ritrova il suo nome sul giornale e chi ruba con premeditazione e manco per fame, rimane nell' anonimato? Io VOGLIO SAPERE se il mio vicino ha rubato decine di migliaia di euro per potermi poi regolare.

    RispondiElimina
  7. Giustissima la lotta all'evasione, per carità, ma mi chiedo perchè controllatre il negozio e non l'ambulante che ha la bancarella proprio davanti al negozio? Perchè non controllare quella centinaia di marocchini che girano davanti ai supermercati? tutta gente che evade il fisco. Perchè non mettere in galera quegli amministratori locali e nazionali che commissionano i lavori alle imprese e poi pagano dopo anni? Perchè non sanzionare in modo esemplare quei dirigenti che "non si accorgono" dei dipendenti che si danno all'assenteismo? Perchè non sputtanere in pubblico e cacciare dal governo chi o coloro che hanno architettato l'acquisto delle 400 auto blu e , scoprerti col "sorcio in bocca" hanno fornito le più ridicole e false giustificazioni facendo fare pessima figura a tuttolo staff dei "tecnici"? Perchè non iniziare a togliere tutte le scorte ai fannulloni di turno e mandare gli agendi ad esercitatre controlli nelle città ove spesso accadono fatti incresciosi? Il politico di cosa deve aver paura, al massimo può prendere qualche calcio nel culo per i denari che incassa prendendo in giro l'elettorato o rubandolo al suo stesso partito. cambiamo sta mentalità, facciamo in modo come in USA che il cittadino, il negoziante o l'industriale può dormire sonni tranquilli solo e soltanto se ha pagato le sue belle tasse.

    RispondiElimina
  8. @Lillo:
    Piuttosto dovresti chiederti "perché non mandare le ispezioni negli uffici dei Ministeri, delle Regioni, negli ospedali, ecc?
    Perché non andare ad esaminare i bilanci?

    La risposta è scontata ma te la dico lo stesso: se ti beccano fuori dalla panetteria senza scontrino e ti fanno la multa, se la devono vedere solo con te e tu non conti niente, quindi subisci.

    Se andassero a fare una ispezione in un ufficio ministeriale e scoprissero che metà degli impiegati sono fuori a farsi i cavoli loro, poi se la dovrebbero vedere con tutto l'apparato, dal Presidente della Repubblica alla Camusso.

    Se andassero a verificare i bilanci delle Regioni e come funzionano le ASL poi dovrebbero processare migliaia tra politici, dirigenti e impiegati pubblici.

    E via via. La ragione per cui si fanno certe operazioni e non altre è solo perché fa comodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... io, invece, mi chiedo: ma a te, quando vengono a controllare i tuoi bilanci? Presto, spero!!!!

      Elimina
  9. Una domanda: ma io che evado da pensionato sotto 1000 euro?

    RispondiElimina
  10. Una domanda: ma quando vai all'ospedale per visite e terapie, perché devo pagarle io?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... perché il giorno che toccherà a te, e prima o poi tocca a tutti, le pagheremo noi!

      Elimina
    2. ... oppure, tu, sei uno di quelli che evadendo le tasse, può permettersi visite specialistiche e terapie in cliniche di lusso, private e magari anche all'estero?

      Elimina
    3. Eh si, le pagherai TU, povero idiota.

      Elimina
  11. Già.....chi è senza peccato...

    RispondiElimina
  12. Io non posso evadere ma non lo farei comunque.

    RispondiElimina
  13. Il mese scorso Bnaca Intesa ha concordato con l'Agenzia delle Entrate il pagamento di 230 milioni a fronte di una contestazione per oltre 1 miliardo. All'epoca dell'illecito fiscale contestato Passera era Amministratore Delegato e la Fornero membro del Consiglio d'Amministrazione (ops!). Altre tre banche hanno patteggiato altri 470 milioni di euro circa. Certo che per fare 700 milioni di scontrini non emessi ce ne vogliono proprio tanti. Epperò la colpa è del bottegher!!!

    RispondiElimina
  14. Risposte
    1. ... mi sono limitato a replicare a tue discutibili riflessioni. Chi ha dato del "coglione", del "pirla" e "dell'idiota" a chi ha replicato ai tuoi commenti, SEI TU!... come da tua abitudine!

      Abbassa la cresta chicco... che è meglio!

      Elimina
    2. A parte che mi hai dato dell'evasore e altre quisquilie che sono reati penali, o gran coglione, perché non fai come me che ti ignoro qualsiasi puttanata tu scriva?

      Sei la prova vivente del perché l'Italia è condannata. La somma di tutte le virtù nazionali. Ignorante, incapace di mettere insieme due concetti, indottrinato come una Guardia Rossa cambogiana, ipocrita e codardo.

      Elimina
  15. @Lorenzo

    continuate a postare le VOSTRE OPINIONI tranquillamente senza "spararvi", altrimenti gli altri non capiscono il discorso e anche se volessero non insertiscono i loro. Il discorso che non vi siete simpatici lo avevamo capito da tempo... siamo vaccinati, ormai sul blog ne capitano di cose strane che ci abbiamo fatto il callo.

    @Carlo

    l'ultimo "Carlo" non devi essere tu, perchè il tono e gli argomenti trattati sono diversi...
    Se ti riesce di argomentare in maniera tradizionale bene altrimenti io non posso farci niente, cancello solo le PAROLACCE e fino ad adesso non ne ho viste scritte...

    Buon primo Maggio a tutti e due se lo festeggiate altrimenti buona festa ad entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ripeto, non sono io a provocare.
      Avevo promesso di ignorare tale "Carlo" e cosi vorrei lui facesse con me.

      Elimina
    2. Tu puoi ignorare come preferisci ma rimane la sostanza di quello che si afferma. Peraltro, tu non manchi di dispensare disprezzo e derisione verso chiunque lasci un commento nei blogs di Enio ma non solo e, conseguentemente, personalmente ritengo indispensabile ribattere con argomenti seri a tutto quello che affermi.

      I miei, sono tali e, pertanto, continuerò a replicare a tutto ciò che riterrò fuori luogo.

      Solo un consiglio che è un avvertimento: evita, come tuo solito, di apostrofare i tuoi interlocutori con definizioni tipo coglione, pirla, idiota o altro ma limitati a replicare sui contenuti o a startene zitto. Altro, ti procurerebbe solo danno.

      Elimina
    3. Enio, buona giornata. Personalmente, mi limito a replicare su ciò che non condivido. Anche a questo serve un blog e non credo, a meno che non me lo segnali, che stia usando il tuo spazio in modo non "tradizionale". D'altronde, il signore in questione può perfettamente ignorarmi, come spesso afferma e poi non fa. Evidentemente, il contenuto delle mie repliche mette in discussione in suoi "teoremi", altrimenti non si spiegherebbe il coglione, pirla o idiota che dispensa senza preoccuparsene. E' avvertito: ora se ne deve preoccupare.

      Per il resto, io festeggerò sicuramente il 1^ maggio. A Roma, ci sarà una gran festa, come ogni anno. Quest'anno, avrà un significato ancora più particolare.

      Buona festa anche a te e ciao.

      Elimina
    4. Si certo, vedi un po' se queste perle di saggezza significano "ribattere con argomenti seri":

      "... occhio!! Questo è un evasore conclamato!"

      "... io, invece, mi chiedo: ma a te, quando vengono a controllare i tuoi bilanci? Presto, spero!!!!"

      O questa:
      "Tagliamo gli evasori e non in senso metaforico, tagliamogli la testa così impiegati pubblici e pensionati vivranno più felici!"

      Ok, sai cosa c'è?
      Te la do vinta, non ne vale la pena. Visto che non posso dire ad Enio cosa fare coi suoi blog e visto che non è possibile la convivenza, eviterò i blog di Enio.

      Le lascio il campo libero Fantozzi, si diverta.

      Elimina
    5. ... che fai? Guardi la pagliuzza negli occhi degli altri e non vedi la trave nei tuoi occhi?

      Non ti preoccupare, tra noi "Fantozzi" un punto d'intesa o, al limite, uno scambio democratico di opinioni non condite da insulti o saccenza, sappiamo condurlo.

      Elimina
  16. Va bene beccare gli evasori, ma becchiamo anche un pò di dipendenti pubblici che timbrano e poi vanno al mercato durante l'orario di lavoro o a bere il caffè e stanno via delle mezze ore, ancora prima di aver toccato la scrivania o posato il culo sulla sedia, stanchi prima di incominciare! Anche questi fanno danni irreparabili agli uffici comunali che non potendo assumere più nessuno, causa bilanci in rosso, impediscono il regolare svolgimento dei lòavori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia degli evasori se ci pensi fa abbastanza ridere.

      In un Paese serio l'evasione è semplicemente un reato e si finisce in galera.

      Ma in un paese serio quando qualcuno fa dei debiti non può dire "non è colpa mia, è che non mi pagano abbastanza".

      Capisci che se in Lombardia ci sono 400 addetti forestali e in Sicilia ce ne sono 30.000 significa che l'evasione fiscale c'entra come i cavoli a merenda.

      Elimina
    2. ... intanto, facciamocela entrare l'evasione, altro che cavoli a merenda, visto che impazza da nord a sud e, se fosse per me, i pattuglioni di GdiF li farei lavorare h24. Poi, penseremo anche ai "troppi" forestali della Sicilia. Un problema per volta, si affrontano tutti. Negarne uno per spostare l'attenzione su altri, significa non risolverne nessuno!

      Elimina
  17. In questo bailame di evasori fiscali e di GDF che li inchioda ho dei seri e forti dubbi. Come mai, Zaia, un altro di quelli che "parla bene ma razzola male". L'ho "ammirato" quand'era ministro dell'Agricoltura. Da quando è diventato governatore della regione degli evasori mi stà un pò tanto sulle balle. A proposito, ho sentito al TG regionale che un suo pari partito, che purtroppo abbiamo qui noi, si è schierato dalla parte degli autotrasportatori che hanno delocalizzato, per truffare qualche soldino. E' possibile che la GDF faccia un giretto a casa sua??
    E poi mi spiegate come mai l'Agenzia delle Entrate e la GdF continuano a trovare evasori e a far loro pagare le tasse mentre il contatore del debito pubblico cresce ancora inarrestabile? Forse che oltre a combattere l'evasione si dovrebbero combattere gli enormi sprechi? Mentre la prima cosa si può fare, della seconda come mai non vi è mai traccia?
    E poi non era Berlusconi è quello che ha detto, in poche parole, visto che le tasse sono alte è giusto evaderle! quindi non credo proprio sia da ringraziare lui, anzi se siamo arrivati a questa condizione è proprio per colpa sua, e non venite a dire che è colpa di tutti, perchè negli ultimi 17 anni non ci sono stati "tutti" al governo, ma lui è sempre li a scassare i maroni con le sue cause e le sue puttanelle, come mai non lo hanno ancora sbattuto in galera?

    RispondiElimina
  18. Ieri Grillo era a Palermo e nel suo discorso alla piazza ha fatto una richiesta al governo dei tecnici che forse resterà inesaudita: "Prima di aumentare le tasse sullla casa con l'IMU, l'IMU bis e il SUPER IMU, di controllare gli scontrini in agriturismi negli alpeggi, di incrementare la pressione fiscale sugli stipendi di operai e impiegati, di alzare l'IVA sui beni di consumo come gli alimentari, di spostare le pensioni fino all'ora della nostra morte, di incrementare il prezzo della bolletta, della benzina, prima della falcidia delle nuove tasse comunali e regionali. Prima di morire letteralmente di fame con gli stipendi più bassi d'Europa e le tasse più alte di qualunque Paese civile. Ecco, prima di tutto ciò, prima di portare il Paese alla miseria per salvare lo spread e gli sprechi immani dei partiti nell'ultimo ventennio che ci hanno regalato duemila miliardi di debito pubblico, vorrei sapere nomi, cognomi e indirizzi di chi si è avvalso dello Scudo Fiscale per decine di miliardi"

    RispondiElimina
  19. Ha poi continuato facendo di tutta un erba un fascio, PD,PDL e Napolitano a fare altre domande che la piazza riteneva lecite in quanto applaudiva convinta :
    "È un mio diritto di contribuente, è un diritto di tutti gli italiani che pagano le tasse senza un condono del 5% - aggiunge -. È un diritto di chi ha onorato sempre i suoi impegni di fronte al Fisco senza fiatare. È possibile che altri parlamentari e lobbisti legati ai partiti abbiano goduto dello Scudo Fiscale. Fuori i nomi allora, tutti i nomi, per eliminare qualunque ombra. Lo Scudo Fiscale è stato voluto sia dal Pdl che dal Pdmenoelle. Napolitano non ce l'ha con me, ma deve fare il Presidente della Repubblica. Noi siamo un movimento eletto dal popolo, lui non è eletto dai cittadini".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e come non dargli ragione? L'impressione diffusa che i controlli ogni volta annunciati siano solo fumo negli occhi di quelli, come noi, che pagano per intero il carico fiscale al 45%, è forte! Loro, invece, dovrebbero conoscere nomi e cognomi dei grandi evasori, quelli che se la sono cavata con un 5%! Su quelli, principalmente, dovrebbero stargli con il fiato sul collo. Invece, oggi sappiamo che di quei "capitali" rientrati, l'Agenzia delle Entrate non ne sa nulla, tant'è che l'ulteriore tassazione del 2% di quei capitali (la così detta "patrimoniale") si risolverà in un fiasco... perché chi ha fatto rientrare quei capitali, se ne guarda bene dal dichiararli e continua a nasconderli al fisco. Inotre, è forte il dubbio che di quello "scudo" ne abbiano usufruito anche alcuni politici che, poi, vengono a svuotare le nostre tasche!

      Tra una settimana, Enio, sapremo se il vento, in questo Paese, comincia a girare in un altro verso, più propizio per noi. Cominceremo anche a capire cosa ne sarà di questa Europa "finanziaria" visto che il 6 ci saranno anche le elezioni in Francia e Grecia e pure in Serbia dove dovrebbero decidere se entrare o no nell'area euro. Alla fine di maggio altro referendum in Irlanda, per accettare o meno il trattato economico appena sottoscritto e, infine, la cancelliera tedesca dovrebbe sapere se la sua politica "liberista" è accettata dai tedeschi, visto che il 6 si vota in due Land importanti.

      Se cambia il vento, potremmo cominciare nuvamente a sperare. Con cautela... ma sperare di salvarci!

      Elimina
  20. Andrebbe incentivato anche l'uso delle carte di pagamento a discapito del contante... In quel modo diventerebbe più difficile evadere.

    RispondiElimina
  21. Ecco una cosa che ci rende un popolo unito, che ci accomuna tutti, ecco cosa fa di noi una vera nazione unita: l'evasione fiscale.
    E la Nazionale di pallone, vabbè, quella è scontata.

    RispondiElimina
  22. @Emix

    mel tuo commento hai ragione da vendere, io l'Italia la chiamo "pallonara", guai a lasciarli senza calcio... per l'evasione qualsiasi considerazione è stata già fatta mille volte, se le tasse non vengono pagate da tutti, prima o poi vengono a mancare i servizi e tutti dovrebbero in PROPORZIONE al loro reddito contribuire. Mettiamo una bella patrimoniale, ripenalizziamo il Falso in Bilancio e riinvestiamo il mal tolto nel LAVORO.

    @Zizio

    ciao e ben tornato, spesso passo dal tuo blog ma non ti trovo "aggiornato" e questo mi dispiace! Dacci tue notizie più spesso. Ti sei laureato? Ti sei sposato? Hai trovato un buon lavoro? sei in Italia o all'estero? Sono curioso. Ciao e a presto risentirti.

    RispondiElimina
  23. @carlo

    il vento deve cambiare perchè oggi in Italia c'è disperazione nella gente che è rimasta senza lavoro, nei sindacati che non vedono nessuna possibilità di dialogare con questo governo tecnico e con un Napolitano che parla di armonia. Non sò se questi signori vivono la stessa realtà nazionale.Da una parte ci sono loro, tecnici politici e presidente con la pancia piena a fare discorsi sconclusionati e privi di nessun collegamento con la società a dall'altra povera gente che da mesi non becca uno stipendio pieno e altra gente che è destinata ad impoverirsi loro malgrado a causa delle forti tasse e degli aumenti adesso mensili delle cose di prima necessità come il mangiare e il curarsi. Non se ne può più e il governo, questa accozzaglia eterogenea di tecnici cosa fa assume un altro TECNICO, Bondi (chimico)per i famosi tagli il quale a sua volta si accompagna ad un altro tecnico (economista) e ad Amato (colui che fece la più pesante finanziaria di tutti i tempi passati), cose dell'altro mondo DA NON CREDERSI. Questi signori oltre a tassarci ci PRENDONO ANCHE PER IL CULO:

    RispondiElimina
  24. Giuliano Amato, il consigliere più fidato di Craxi, nominato consulente per il finanziamento ai partiti... Ma stiamo scherzando? E' come mettere la volpe a guardia delle galline. Stiamo freschi. Uno che non è addentro ai problemi italiani dirà: " ma questi sono matti o incapaci? " Monti che ha necessità di altri tecnici. E' roba da matti o da imbecilli? Ritengo che sia solo un segno di manifesta incapacità e, pertanto, se ne vadano a casa.

    RispondiElimina
  25. ma come ???? non era Monti il supermegatecnico fighissimo capacissimo ??? che ci fa il becchino Amato ? a che prò ? questa casta va veramente abbattuta. Da un filibustiere come questo Monti, già consigliere della merchant bank Golman Sachs, la banca criminale responsabile della rovina di milioni di persone, venisse scelto il topo gigio Amato, altro malfamato poilitico già responsabile insieme ai suoi accoliti del grande debito pubblico italiano, non c'è proprio da meravigliarsi. Quello che invece sorprende è come mai la popolazione non caccia questa governo di incapaci e buoni a nulla ed issa le loro teste su picche e forconi. La storia ci insegna che di solito i governanti mascalzoni e farabutti ricevono un trattamento similare alla fine della festa.

    RispondiElimina
  26. il fatto è che quando loro parlano di evasori, si riferiscono sempre a noi, perchè quando ci si rompe il rubinetto e non riusciamo a cambiarlo da soli, ci tocca chiamare l'idraulico e LORO pretenderebbero anche il pizzo del 21% di IVA, approfittando della nostra disgrazia.
    Tanto è che per LORO le case mantengono inalterate il loro valore, anche dopo 30 anni, senza bisogno di alcuna manutenzione, anzi il loro valore aumenta e ti aumentano anche la relativa tassa di posssesso.
    Questo i media non lo spiegano ed il bobbolo, parla di evasori come di fantasmi o astrazioni

    RispondiElimina
  27. Vorrei sottolineare che i primi esattori non stanno in mezzo al popolo... ma questo lo sappiamo tutti no?!

    RispondiElimina
  28. Una volta evadevano solo i carcerati, come cambia
    le cose il tempo!

    RispondiElimina