14 febbraio 2012

Chieti - Monti niente Olimpiadi 2020

«Non vogliamo che chi governerà l'Italia nei prossimi anni si trovi in una condizione di difficoltà». Lo ha detto il premier Mario Monti, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi, in merito alla candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2020 Il premier Mario Monti secondo me ha fatto bene, anzi benissimo, a dire no alle Olimpiadi a Roma nel 2020. A dispetto degli appelli e dei proclami sottoscritti dagli eroi dello sport nazionale. E a dispetto di chi vedeva nella candidatura olimpica un segnale di speranza in tempi tanto bui, un'occasione di riscatto per il Belpaese in preda alla crisi in cui 25 cm di neve scatena il putiferio in una citta amministrata da un sindaco solo "chiacchierone" e litigioso, sopratutto con le istituzioni, cercando di coprire tante sue manchevolezze. No, non ci sarebbe stato alcun riscatto. Né economico, né sociale. Forse sportivo, ma con le medaglie non si mangia. Al limite, con le medaglie si fa propaganda, ma questo non succede in paesi mediamente civili. Con le medaglie non si mangia, ma con le Olimpiadi, invece, mangiano in molti. Troppi gli sprechi e le strutture abbandonate a se stesse dopo essere costate miliardi, ne è l'esempio della fine che hanno fatto le piscine costruite negli ultimi campionati mondiali di nuoto. "Ci sono casi in cui le Olimpiadi hanno rilanciato la città, come Barcellona, altri casi, come Atene, in cui è stato un disastro". Queste le parole di Antonio Di Pietro (IDV) a Tgcom24 su Roma 2020. Parole condivisibili perchè portatrici di immensa saggezza.

nonnoenio

12 commenti:

  1. Sono affranto. Roma Capitale ha perso una grassa opportunità per spendere milioni del denaro pubblico, assumere altre centinaia di scansafatiche, di alloggiare i dipendenti RAI nelle suite a cinque stelle, eccetera.

    RispondiElimina
  2. Noi abbiano un Paese strapieno di opere d'arte e siti archeologici etc. etc. possiamo vivere della nostra bellezza! Ben venga il sostegno allo sport, ma forse dobbiamo imparare a valorizzare il nostro patrimonio culturale.

    RispondiElimina
  3. Non capisco perchè le grandi manifestazioni non possano essere realizzate interamente da sponsor privati che poi ne beneficeranno.in futuro finiti i giochi.Vista la brutta esperienza e i mahna magna dei campionati mondiali di nuoto a Roma, sono del parere che il premier Monti ha fatto bene a prendere questa decisione. Se si può fargli un appunto ha aspettato troppo. Gli appetiti dei famelici che avrebbero gonfiate le spese da 100 a 500 sono rimasti insoddisfatti.Stiamo diventando un paese serio ?

    RispondiElimina
  4. Alemanno invece di spaccare i maroni perchè non può spendere i soldi di noi italiani tassati e mazziati pensi al pronto soccorso al collasso,nella città di Roma, dove letti e barelle esauriti e medici costretti ai salti mortali per curare i pazienti. Così ci si arrangia come si può e i malati vengono curati persino in terra. Non è la scena di chissà quale remoto ospedale da campo su chissà quale fronte di guerra del pianeta, ma è ciò che accade quotidianamente al Pronto soccorso del San Camillo-Forlanini, la principale azienda ospedaliera di Roma e della Regione Lazio.Vergogna, ritornatene nella tua fogna.

    RispondiElimina
  5. Olimpiadi a Roma... magari gestite come l'emergenza neve, sarebbe stato il ridicolo a livello planetario! Ha dato un dispiacere a gente come Carraro, Petrucci e La Russa; solo per questo merita un enorme applauso. Mi piace il suo modo di operare anche se dovremo fare dei grandi sacrifici. Vederla in tv in occasione di incontri nazionali ed internazionali mi rende nuovamente orgogliosa di essere italiana. Finalmente uno sguardo pulito e un comportamento corretto che rende giustizia agli italiani che si guadagnano la vita con onestà. Adesso martelli quegli "altri ladri" che non vogliono rinunciare al VITALIZIO. Li prenda tranquillamente a calci in culo ha la nostra approvazione, sono loro che ci hanno portato fino a quì, un paese dove vengono rubati 13 milioni di euro in un partito che non esiste più e Rutelli che dice di non saperne niente... vergognatevi !!!!!

    RispondiElimina
  6. Concordo con questa scelta. Non saremmo in grado di sopportarla ora.

    RispondiElimina
  7. http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/12_febbraio_16/2020-commissione-resiste-1903303044977.shtml

    "Le Olimpiadi a Roma non si faranno.
    Ma la commissione resiste (e cambia nome).
    Istituita nel 2010 alla Regione Lazio: nessun atto, si è riunita 3 volte, costo di oltre un milione. Abbruzzese: le cambieremo il nome. Ma per abolirla serve legge regionale.

    «Il Consiglio - ipotizza Abbruzzese - potrebbe eliminare i "Giochi olimpici" e lasciare i "grandi eventi" che in questa regione sono importanti». A guardare il lavoro svolto, il ruolo di questo organismo è evidente: in un anno di vita, s'è riunita tre volte.

    Un'audizione, Mario Pescante. Atti prodotti, zero. Costo orientativo, da qui a fine legislatura, un milione e 250 mila euro."

    RispondiElimina
  8. negli ultimi giorni incredibilmente mi sono trovato d'accordo con monti. L'Ici sulla chiesa (anche se ho paura che trovino il modo di non pagare grazie a qualche altare negli alberghi) e il no alle olimpiadi.
    Mi domando con quale coraggio il comitato abbia presentato la richiesta in questo momento del nostro paese.

    RispondiElimina
  9. @ernest
    L'ICI sui beni della chiesa era scontato che l'avrebbero dovuta mettere perchè l'Europa aveva acceso un procedimento contro l'Italia che ci avrebbe condannati a pagare gli arretrati dal 2005. L'ICI sulle attività della chiesa era una cosa dovuta per evitare concorrenza sleale.Un albergo o una casa di cura deve pagare l'ICI se tutti gli altri la pagano e se queste sisvolgono sul territorio italiano e procurano grossi incassi senza esborsi di tasse. Il PDL incomincia già a frignare, staremo a vedere cosa ne verrà fuori. Il timore mio è che sia una grossa manovra di facciata, con i preti in Italia è sembre andato così.Si occupano di cose terrene pittosto che di cose divine e arraffano pure se possono.

    RispondiElimina
  10. @Lorenzo

    ho visto gli sprechi effettuati da questi "ladri" travestiti da dirigenti sportivi e un esempio ne è la maxipiscina (una nave nel deserto)mai completata con i soldi arraffati, tanti, per organizzare e gestire gli ultimi campionati mondiali a Roma.L'Italia è piena di ladri con giacca e cravatta e son si sta attenti ci fanno fare la fine della Grecia molto presto.

    RispondiElimina
  11. Io nato e cresciuto a Roma sapessi quanto ho goduto quando 'sto governo ha risposto no alle manfrine di aledanno.
    Con quegli euro quante altre cose si possono fare?
    Io credo parecchie.

    RispondiElimina
  12. @il monticiano

    si lo sappiamo anche noi quello che succede a Roma perchè a rubbà ogge ce provene tutti...

    La sanita' poi e' nelle attuali condizioni ''perche' tutti hanno rubato, hanno usato i soldi della sanita' per fare altro, diciamolo con chiarezza''. Lo ha detto la presidente della Regione Lazio Renata Polverini, non Bossi, nel corso della trasmissione Piazzapulita di La7, in merito ai disagi nei pronto soccorso della Capitale. In particolare sul S. Camillo la Polverini ha detto: 'conosco quella struttura, mio padre vi mori' a 29 anni, e vi ho assistito in un corridoio mia madre operata'.Pensa un po te dove andavano a investire... I politici per me andrebbero bruciati, gli si dovrebbe da loro fuoco sul posto o dove li si incontrano...altro che 13mila euro al mese.

    RispondiElimina