16 maggio 2011

CHIETI - VERGOGNA RIFIUTI COME A NAPOLI!


Queste cose non accadono solo nella città di Napoli, ma purtroppo, capitano anche in certi quartieri della nostra "civilissima" città in spregio alla raccolta differenziata che molti cittadini oggi fanno. Ecco cosa scrive il nostro menestrello Luciano Pellegrini al riguardo: " ...Sabato 14 Maggio al quartiere Filippine ho notato una discarica a cielo aperto. La ditta Mantini è in sciopero? Non ci sono parole né aggettivi - verbi - sostantivi. Bastano le immagini… Un solo sostantivo da gridare…VERGOGNA.
...


Caro sindaco Di Primio, assessore al verde Bevilacqua, vogliamo creare a Filippone una nuova Napoli? Penso che la ditta Mantini non è colpevole della NON raccolta dei rifiuti, altrimenti sareste già addivenuti a vie legali. Cosa c’è che il cittadino non sa? VERGOGNA



Scritto da: Luciano Pellegrini

5 commenti:

  1. se non si fa una politica di dissuazione (multe salatissime)non si riuscirà mai a venirne a capo.

    RispondiElimina
  2. E' ora di attivarsi caro assessore!!! Ed è ora di far seguire alle tue chiacchiere i fatti, ovunque, in ogni angolo della città o della periferia!!

    Io personalmente non sopporto chi butta nel cassonetto degli umidi, rifiuti avvolti nei sacchetti di nylon!

    Non capisco se questo viene fatto per ignoranza o menefreghismo!

    RispondiElimina
  3. avevo anche fatto l'altra volta una segnalazione, via mail, perchè spesso quì ho visto i contenitori riempiti alla rinfusa, quelli del vetro pieni di carta , quelli del secco pieni di rottami metallici, ma chi deve intervenire per controllare i vigili o il comune, ma poi
    andranno a controllare oppure la zona non riguarda la "citta"?

    RispondiElimina
  4. sarebbe interessante vedere i vigili controllare l'umido, o nei sacchetti vicino alle "cassonetti" per cercar di scoprire a chi appioppare la multa! Una domanda sorge spontanea, sta raccolta differenziata i cittadini la vogliono fare o no? Sarebbe interessante chiederlo a loro, checcè ne dica l'assessore!

    RispondiElimina
  5. Non puoi salvare la gente da se stessa.

    RispondiElimina