15 gennaio 2012

La Solidarietà sale in cattedra

Fiorella Mannoia e Gianna Nannini, che si erano attivate per la raccolta fondi per la ricostruzione post terremoto, oggi sono salite in cattedra all'università dell'Aquila. Accolte dall'entusiasmo degli studenti, hanno presenziato all'inaugurazione del blocco aule didattiche del polo scientifico di Coppito, realizzate grazie alla donazione di 1,5 milioni raccolti con i concerti delle Amiche per l'Abruzzo, sodalizio al quale hanno aderito le più note cantanti italiane.

6 commenti:

  1. Dopo le dichiarazioni di Cialente, sindaco dell'Aquila che dice: "Posso dire che il Governo ha preso in giro il Comune dell'Aquila e gli aquilani" e quello che il nuovo capo della Protezione civile, Franco Gabrielli ha fatto capire in una sua lettera:" ...i soldi per la ricostruzione non ci sono, eccezion fatta per gli edifici e gli immobili vincolati di interesse storico..." questa manifestazione a cui hanno presenziato le due cantanti è qualcosa di concreto che viene utilizzato per qualcosa che serve urgentemente oggi, le aule dell'Università ad Aquila.

    RispondiElimina
  2. Adoro la voce della Mannoia... brave le artiste che ci aiutano a rimetter su il nostro stupendo Abruzzo!

    RispondiElimina
  3. @Maraptica

    veramente loro si sono limitate a ricostruire delle aule didattiche all'università dell'Aquila. Sono riuscite dove ub sindaco "cialtrone" non è ancora riuscito, farsi sbloccare i soldi per la ricostruzione e dato che si è sotto elezioni e lui rischia di non essere rieletto continua a strillare contro tutti e tutto senza ottenere purtroppo niente...

    RispondiElimina
  4. A Fiorella Mannoia, Laura Pausini Gianna Nannini, Elisa, Giorgia, e a tutte le decine di altre magnifiche donne che si sono date da fare per questo progetto, tutta la nostra ammirazione e riconoscenza.Grazie anche alle decine e decine di altre donne che hanno partecipato al concerto a titolo gratuito, senza fare rumore. E' l'Italia che mi piace. Quella che parla poco, e che fa molto.

    RispondiElimina
  5. Sfortunato quel popolo che ha bisogno di eroi.

    RispondiElimina
  6. quì all'Aquila rimpiangono il governo Berlusconi che forse ha agito per tatticismo politico,m ane ha sistemati dignitosamente tantissimi terremotati. Se avessero lasciato fare al sindaco starebbero ancora nelle tende... il belice non ha insegnato niente anche perchè la storia non è stata mai maestra di vita.

    RispondiElimina