31 gennaio 2014

Chieti - Impeacment al via


Per i parlamentari grillini Santangelo, D'Incà, Crimi e Taverna, Napolitano è «colpevole» di aver «attentato alla Costituzione» per diversi atti: essersi fatto rieleggere, non aver rinviato alle Camere leggi giudicate poi incostituzionali dalla Consulta; aver interferito nei procedimenti giudiziari relativi alla trattativa Stato-mafia, opponendosi all'acquisizione delle intercettazioni tra il Quirinale e l'ex ministro Nicola Mancino; aver abusato del potere di grazia; non aver fermato l'abuso sulla decretazione d'urgenza; aver agito venendo meno al suo ruolo «super partes» per mandare avanti le riforme costituzionali.E' sceso in campo con la fascia di capitano schierandosi, come uomo in più, nella squadra del governo Letta....

nonnoenio

17 commenti:

  1. Per quanto mi riguarda i "grillini" sono irrilevanti perché si preoccupano solo delle questioni più o meno formali, come l'assetto delle istituzioni e il rispetto delle "regole" mentre ignorano le questioni sostanziali, cioè su quali basi è stata creata la Repubblica e su quali basi è stata di seguito amministrata nel corso della storia. Che sono le ragioni della condizione attuale.

    Perché i "grillini" non affrontano queste questioni? Perché si tratta di un movimento a base demagogica. Il demagogo, cioè Grillo e Casaleggio o chi per loro, conduce il "demos" in un certo cammino ma lo può fare solo blandendo e promettendo, quando serve indicando un nemico comune. Quello che non può fare è dire ai seguaci: "sapete cosa c'è? siete mediamente una massa di coglioni che prende per verità consolidate delle menzogne e dei paradossi. E lo fate un po' perché non siete in grado di fare altro, un po' perché vi fa comodo". E infatti, nonostante sia ormai evidente che l'unica cosa che accomuna Grillo con la sua platea è il "ribellismo", Grillo dopo i primi tentativi di dettare la linea adesso si adegua agli pseudo-referendum. Non ha alternativa, o cavalca la tigre oppure la tigre lo divora.

    RispondiElimina
  2. Sono daccordo col M5S, a mali estremi, estremi rimedi. Napolitano sta governando l'Italia dettando l'agenda di governo a Letta e ignorando completamente tutti quegli elettori che hanno espresso la prima forza politica (non la prima coalizione) e che rappresentano quasi un terzo dell'elettorato. Quindi tradisce il paese ed il suo ruolo previsto dalla costituzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuiamo a ignorare il fatto che la Costituzione è stata scritta proprio sulla base del concetto opposto e cioè dando per scontato che il Parlamento e il Governo operino CONTRO la volontà dell'elettorato.

      Non a caso è risaputo che la Costituzione esclude espressamente per i rappresentanti eletti il famoso Vincolo di Mandato. Significa che l'eletto non può e non deve essere chiamato a rispondere quando le sue azioni siano in contrasto col mandato ricevuto dai suoi elettori.

      Anche il concetto di "democrazia diretta" introdotto da Grillo e Casaleggio è ovviamente un paradosso. Non tanto e non solo relativamente alla pretesa di sottoporre le decisioni alla approvazione del "movimento" ma sopratutto perché fanno tutti finta di non sapere che l'Italia NON è una democrazia diretta. Ma non perché i Costituenti non conoscevano la Rete, quanto perché volevano proprio escludere la possibilità che il Popolo potesse esprimere direttamente la propria volontà. La ragione, considerate le origini della Repubblica, è ovvia.

      Elimina
    2. No forse non è ovvia.

      La ragione è che i Costituenti sapevano bene che il Fascismo aveva preso e sopratutto mantenuto il potere con l'appoggio della stragrande maggioranza degli Italiani. E allo stesso tempo teorizzavano la necessità che il popolo immaturo fosse "educato" dalle elite intellettuali. Da cui la necessità di porre gli Italiani sotto tutela affidando la patria potestà ai partiti.

      Elimina
  3. Insomma i partiti si alleano, ma allora perchè non fondersi penserebbe il raziocinante?
    le coalizioni servono per meglio circonvenzionare il bobbolo.
    Il bobbolo è presuntuoso, non vuole inquadrarsi, confondersi con la massa, al limite in tajaa ci sono anche troppi pochi partiti e poi con le coalizioni non c'è mai un responsabile. Le coalizioni vengono buone pure per fregare poltrone alle vere opposizioni, come hanno fatto la lega e l'uomo dall'orecchino che s'è beccata la presidenza della camera come partito dell'opposizione
    Ed er bobbolo è felice,
    mo' però sto' fatto dello impiccement er bobbolo non se lo spiega, anche picchè i mezzi comunicativi (che magnano bene) suonano tutti per il padrone, meno che Travaglio che ci ha scritto un libro che mi hanno regalato per le feste, sulla copertina del libro er vecchietto in questione viene raffigurato con una corona in testa, tipo quella degli antichi regnanti. E' un bel tomo che giace lì tra tutti gli altri libri che noi che rifiutiamo di definirci intellettuali per non cedere al conformismo, siamo soliti scambiarci a fine anno, anche per risparmiare ché purtroppo son tempi duri pe' tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, il vecchietto in questione potrebbe essere raffigurato con la corona in testa se avesse strappato la corona dal cadavere del predecessore abbattuto con un'ascia sassone e se alla sua morte gli succedesse il figlio.

      Invece è un tale semplicemente incaricato dal Parlamento. E quindi, quando l'hanno incaricato, avranno preso determinati accordi.

      Una cosa non abbiamo detto: il vecchietto in questione frequenta i "palazzi del potere" dall'immediato dopoguerra, quando iniziò la carriera di dirigente del PCI. Ha sempre ricevuto incarichi previ accordi. E' tutta la vita che riceve questi incarichi. Più che un monarca lo potremmo paragonare a un anziano autorevole all'interno di una certa organizzazione attiva in molteplici aree di business, tipicamente associata al sud Italia.

      Epperò lo ribadisco, sia Travaglio che il vecchietto che il bobblo, hanno la loro bella convenienza acche le cose vadano in un senso piuttosto che l'altro.

      Elimina
  4. Questi grillini, che branco di impeachioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma no! non sono d'accordo con quelli che attaccano i grillini senza metterli sullo stesso piano con il Pd, ovviamente salvando Renzi. cosa si aspettavano al Pd, che soffiando sul fuoco del giustizialismo cafone, che non venissero coinvolti dalle fiamme? L'impeachment doveva essere "istruito" dal Pdl nel 2011 al momento del golpe. Napolitano sta portando la democrazia italiana al disastro! certo che noi non siamo per la violenza, fisica o verbale, ma a tale violenza siamo esposti da sempre perchè difendere Berlusconi è compito arduo! a tutti i livelli, e allora, siccome non siamo santi occorre pure spazientirsi! perchè non si è reagito, in nome di che cosa non si è reagito quando un presidente democraticamente eletto veniva deposto per fare largo ad un burocrate neppure illuminato e mai votato da nessuno. Con lo sfregio al buon senso della nomina a tamburo battente di senatore a vita del subentrato premier! ma a che gioco stiamo giocando? La democrazia è questione seria!!! guardiamo la situazione dal 2011 ad oggi: hanno forse salvato l'Italia o l'hanno massacrata con le tasse? Guardate la riforma Fornero; ha migliorato le condizioni pensionistiche oppure l'ha devastata? Stiamo meglio oggi o ieri? Nessun governo politico avrebbe fatto tanti danni e prodotto guasti pressochè insanabili come il governo dei tecnici. Ci vogliamo svegliare, si o no? quando mai si sono levate voci autorevoli per arginare il criminale assalto a Berlusconi? Cosa si aspettava il Pd dai grillini dopo che insieme avevano trasformato la giunta di garanzia del senato in un "plotone di esecuzione"? Ma che brucino (politicamente) insieme, grillini e pidini nell’inferno che loro stessi hanno creato, nelle fiamme che loro stessi hanno alimentato, sul fuoco che insieme hanno soffiato e FI non si spenda troppo per spegnere le fiamme che avvolgono entrambi i fomentatori e fautori del giustizialismo: sino a rendere invivibile il nostro Paese; sino a storpiarne anche il suo sistema democratico! FI prenda le distanze ma senza salvarne neppure uno, salvo Renzi!!

      Elimina
  5. Veramente sarebbe il M5S a dover lasciare il ns Parlamento per aver impedito il lavoro delle Commissioni, per violenza, per turpiloquio, per aver aggredito con frasi oscene le donne del PD (che hanno querelato il DeRosa), per non fare il lavoro parlamentare per cui hanno avuto la poltrona e per cui sono stati votati, per non collaborare con nessuno

    RispondiElimina
  6. come osano toccare il grande Napolitano? in tanti tanti anni di onorata corriera sfido chiunque a trovare un singolo errore di questo straordinario nostro presidente

    RispondiElimina
  7. Sarebbe meglio che gli m5s cominciassero a ragionare con il proprio di cervello e non seguendo i dettami di chi li guida.

    RispondiElimina
  8. Non hanno proprio altro da fare.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  9. Caro Enio, eccomi a farti visita al tuo blog, ti ringrazio della tua visita al mio blog, vedo che tu qui parli di politica, ecco un argomento che non ne capisco tanto,però trovo interessante sentire quello che pensano gli altri.
    Come avrai capito io vivo all'estero da quasi 60'anni e seguo tutto con rammarico delle nostra cara Italia.
    Ciao e buona settimana amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Arrivo a questo tuo post dopo che, per lo stesso, si è sviluppata un'ampia e articolata discussione. Il nostro caro Lorenzo si è sperticato in analisi e voli pindarici su Democrazia e Costituzione e, ovviamente, su "noi" itagliani! Altri appoggiano i grullini, altri no! Tutto molto bello! Anche se inutile.

    Si, perché anche a me non piace come si comporta Napolitano. Tuttavia, i grullini hanno tempo da perdere e per un motivo molto semplice: seppur odiosi e/o non attinenti le sue funzioni, i comportamenti di Napolitano non si configurano come "attentato alla Costituzione". Ergo: i grullini son buoni solo per far casino! Infatti, si rifiutano di governare e lo dimostrano ad ogni occasione importante per 60 milioni di italiani. Loro fanno solo casino per quegli 8 milioni che li hanno votati! E, ovviamente, a comando del comico e dell'imprenditore alternativo!

    Ciao Enio, buona serata.

    RispondiElimina
  11. Certo che da qui non posso conoscere tutto quello che succede in Italia, ma ho l'impressione che orma siamo al "Muoia Sansone con tutti i Filistei". Il problema è che poi, nella merda (scusa il termine) ci finiscono tutti gli italiani. Buonanotte.

    RispondiElimina
  12. Ho dimenticato, complimenti per il post sul Berlusca.

    RispondiElimina
  13. ma tu non hai nostalgia di...Pertini? io si!

    RispondiElimina