19 luglio 2011

Chieti - DER SPIEGEL


Napolitano ieri lo ha convocato insieme a Letta per chiedergli di sostituire Alfano con un ministro di altissimo contenuto morale. Lui cosa fa, esce e va da Bossi a consigliarsi su chi mettere in quel posto, senza che la lega si possa incazzare. I mercati continuano le speculazioni sull'Italia e lui "latita", aspettando che passi il tempo: "Haddà passà a nuttata". Nel frattempo all'estero, in particolare i giornali tedeschi, di lui si sono fatti, sbagliata o esatta che sia, questa idea. Immaginano, in questo periodo nero per i conti pubblici della nostra panisola, Silvio Berlusconi gondoliere tra due sirenette escort a seno nudo, con un piatto di spaghetti e una pistola al centro dell'Italia. Questa è la copertina del settimanale tedesco Spiegel, in edicola oggi. "Ciao bella!" è il titolo, in italiano, dedicato al presidente del Consiglio e al "declino del paese più bello del mondo". Nel sommario si legge: "I mercati finanziari internazionali hanno perso la fiducia nell'Italia. Dopo 17 anni di Berlusconi, il paese è pesantemente indebitato e maturo per un cambio di governo. Uno dei paesi fondatori dell'Unione europea appare paralizzato dall'incapacità del suo premier, che è occupato innanzitutto dai suoi affari personali". All'interno, lo speciale si intitola "Basta." (in italiano), e copre 11 pagine del settimanale, incluso un grafico con le differenze in termini di pil pro capite e tassi di disoccupazione nelle varie zone d'Italia (il Sud e le isole al di sotto della media nazionale, il centro nord al di sopra). Stiamo freschi noi a fare manovre correttive ! Ha ragione Tremonti nel dire che se va via lui noi rischiamo il FALLI - MENTO...

nonno enio


10 commenti:

  1. La manovra non ha fermato la speculazione. L’avevamo previsto e ci dispiace. Perché ci pare incredibile la distanza che separa il Palazzo dalla realtà, dal mercato, dal denaro che non dorme mai. Sapevamo che la spremuta di tasse non avrebbe convinto i trader, ma anzi li avrebbe incoraggiati ad alleggerire le loro posizioni sull’Italia. Il Belpaese è un bersaglio perfetto: anello importante della catena dell’euro, terzo debito pubblico del mondo, crescita anemica, sistema politico imbarazzante. Una manna per gli amanti delle operazioni ribassiste. Spacciare la manovra per la diga che avrebbe fermato l’ondata speculativa è stata un’operazione intellettualmente disonesta. E politicamente suicida. Questi in parole povere ci vogliono sfasciare il culo...

    RispondiElimina
  2. Ogni volta ci chiediamo come é possibile, eppure é possibile, l'agonia sarà lunga salvo schianti improvvisi e neppure augurabili

    RispondiElimina
  3. Di oggi l'ultima "battuta" del Cavalier: "Bossi non mi tradirà".... E te credo, deve salvare il posto al figlio!!! Se cade il Governo la Lega è finita e anche il Trota dovrà cambiare "mestiere" (o meglio dovrà andare a lavorare per la prima volta in vita sua).

    RispondiElimina
  4. Caro mio a Der Spiegel so' tutti comunisti, non lo sai?
    Ma il berlufolle che aspetta a spararsi una revolverata?

    RispondiElimina
  5. Il figlio di Bossi è consigliere regionale e percepisce circa 12K euro al mese. Le elezioni politiche non lo scalfirebbero, quindi Enio il problema è da tutt'altra parte.

    Comunque, posto che è chiaro a tutto che Berlusconi ormai ha fatto il suo tempo e che non finge nemmeno più di avere qualche progetto per l'Italia, ci rimane sempre il problema di chi mettere al posto suo.

    Se la coalizione di destra ormai è in rovina, non venirmi a raccontare che l'armata Brancaleone di Bersani, Vendola, DiPietro e compagnia sia una opzione credibile.

    Il guaio vero non e' Berlusconi ma che non abbiamo alternative. E' come scegliere se morire di fame o di sete.

    RispondiElimina
  6. @Lorenzo
    io incomincerei con un bel governo "tecnico", il tempo di risistemare la legge elettorale (rimettere il famoso elenco dei candidati per quel partito), andare a votare e cercare di scegliere, parlo di preferenze, almeno uno che non ha pendenze (processi)o avuto(condanne di varia natura)e cercare di andare avanti a fare qualcosa per l'Italia e non solo per il partito. Ne dovremo uscire per un pò senza doverci sorbire le cazzate di Bossi e company...

    RispondiElimina
  7. Io non vedo comunque candidati che potrei votare.

    RispondiElimina
  8. qualcosina finalmente oggi si muove verso un nuovo governo di larga partecipazione se il premier dice: " Il premier Silvio Berlusconi, lasciando palazzo Grazioli, ha detto ai giornalisti che ci sono problemi con la Lega che ''non ha rispettato gli impegni''. Tuttavia a suo avviso Umberto Bossi resta il leader incontrastato del Carroccio e il governo e' in grado di andare avanti ''piu' solido di prima'' "

    Io non ci credo che il governo sia più solido di prima e sono quì che aspetto nuove soluzioni per l'Italia. Se non riparte il lavoro e non si riducono i disoccupati la vedo durissima nei prossimi 2 anni.

    RispondiElimina
  9. In un mercato "globalizzato" non c'è ragione di produrre in Italia, quindi il "lavoro" non può ripartire. Abbiamo teorizzato per decenni la bellezza del "terziario", ora ci troviamo a venderci abbonamenti l'un l'altro.

    RispondiElimina
  10. ma guarda... pure i tedeschi devono sfotterci!

    RispondiElimina