02 gennaio 2013

Chieti - Al peggio non c'è mai fine


Fra poco si vestirà di bianco e andrà a predicare in piazza San Pietro. «Ho creato 1,5 milioni  di posti di lavoro». Lo ha detto Silvio Berlusconi durante un'intervista rilasciata a Skytg24. «Io le ho mantenute tutte le mie promesse. Tutto realizzato, anche un milione e mezzo posti di lavoro. Ora l'attenzione del governo sarà sulle imprese per snellire i vincoli che la burocrazia pone e per arrivare ad un patto tra le imprese e le banche con la garanzia del governo per avere un credito alle aziende». E ancora: "Monti vuole abbassare le tasse di un punto? È diventato un politico e fa promesse anche lui. Io invece le ho mantenute tutte le mie promesse". Operazioni di lotta all'evasione come quella dello scorso anno a Cortina "fanno soltanto male e recano colpi molto duri al nostro turismo che è una delle attività più importanti del nostro Paese. Non credo che sia quello il modo. Anche la lotta all'evasione deve essere fatta in modo liberale, e non violento come fatto dal governo uscente". Chissà se tutte le donne romane in odore di licenziamento, saranno costrette a trasferirsi, se vogliono continuare a lavorare con Mediaset, a Cologno Monzese, la pensano come il loro "presunto" benefattore.

nonnoenio

11 commenti:

  1. L'unico sbaglio di Monti, secondo il leader del PDL e' stato il NON aver tagliato NESSUN privilegio ai POLITICI. Lui il nano invece pare che abbia creato 1,5 milioni di posti di lavoro... Ma ancora state ancora a dare retta a questo? Ho ancora in mente il sorriso tra la Merkel e Sarkozy... e mi chedo se i famigliari non farebbero bene a farlo interdire, per un pò, prima che faccia del male anche a se stesso..

    RispondiElimina
  2. L'azienda di Berlusconi, con i conti in rosso, vuole trasferire decine di dipendenti da Roma a Milano. Quasi tutte impiegate con famiglia, per il quale il trasferimento è molto difficile."Mamme licenziate, mignotte assunte", recita il cartello. Dietro, ci sono la rabbia e l'angoscia di una pattuglia quasi tutta al femminile, giovani donne e signore cinquantenni che dopo una carriera messa al servizio di un'azienda si trovano di colpo di fronte a un'alternativa: prendere o lasciare.

    RispondiElimina
  3. Il berlufolle ha una faccia di bronzo che levati. Tra le altre frescacce ha detto che lui non ha mai parlato della ruby come nipote del suo amico mubarak. Ma non hanno fatto in proposito addirittura una seduta in Parlamento con i suoi schiavi a sostenerlo?
    Forse ho sognato.

    RispondiElimina
  4. Non capisco dove sia il problema.
    Non è mica obbligatorio votarlo.

    Per quanto riguarda le "donne romane", torniamo sempre al solito dilemma irrisolvibile e cioè a chi appartiene una azienda.
    Se appartiene ai soci, che poi incaricano della gestione un consiglio di amministrazione o se appartiene a chi ci lavora, che mandano avanti l'azienda riunendosi in assemblea.
    Nel primo caso, il licenziamento dei dipendenti è normale amministrazione, nel secondo caso non si capisce perché le "donne romane" non continuano a lavorare per conto proprio, consociandosi in una forma qualsiasi.

    Esiste ovviamente la solita "terza via" all'italiana e cioè lo Stato interviene nella gestione dell'azienda. E quindi o si accolla direttamente la gestione acquistando l'azienda oppure se la accolla indirettamente dando una contropartita ai soci in cambio del famoso "mantenimento dei livelli occupazionali".
    In entrambi i casi finisce che lo stipendio delle "donne romane" (con tutti gli annessi e connessi) lo paga il contribuente.

    RispondiElimina
  5. Per consolarci del fatto che al peggio non c'è mai fine, ti invito allo spettacolo di danza e... poesia che ho allestito su Blogaventura Reporter. Un salutone, Fabio

    RispondiElimina
  6. 1,5 milioni? Cavoli, non pensavo che alle Olgettine fossero così tante... facile dare lavoro alla gente mettendola in politica (Minetti, Carfagna, Ghedini, massaggiatori del Milan, leccaculi etc...) Fra poco dirà che il mondo non è finito il 21 dicembre grazie a lui.

    RispondiElimina
  7. Spero che la gente non ci caschi ancora...

    Baci

    RispondiElimina
  8. ha più paura del monti che del bersy
    il monti lo tenevano per le palle e doveva fare tutto secondo i loro desideri, mentre il bersy è la continuità di quel partito trasversale che tutela bene gli interessi dei caporioni vescovi compresi
    e poi il monti se non candita tutte le vecchie cariatidi infangate dalla politica può allearsi con chiunque destra, sinistra, centro, e contare su maggioranze diverse su i vari punti del programma

    RispondiElimina
  9. intanto nelle lunghe interviste (o sarebbe meglio dire monologhi) nessuno lo incastra mai su queste cose...

    RispondiElimina
  10. @gds75
    speriamo che berlusconi vada in tv ogni giorno... con tutte le stupidate che dice fra due mesi non si voterà neppure lui....

    RispondiElimina
  11. Ma che faccia!!!! E' di una falsità impressionante, di una pazzia....proprio da reparto agitati!!!
    Io preferisco non parlare di questo individuo perché gli si fa pubblicità.
    Ciao nonno enio
    Bruna

    RispondiElimina