10 giugno 2011

Aumento del canone RAI ?


Ieri sera c'è stato l'addio di Santoro a mamma Rai con l'ultima puntata di "Anno Zero" e pare che il presentatore se ne sia andato con una buonuscita di 2 milioni di euro e senza nessuna clausola rescissoria, libero di andare a fare un programma analogo, in qualsiasi altra Tv privata. Il fatto di per sè non avrebbe nessuna importanza per noi, in quanto regolato dalla domanda/offerta che c'è oggi in qualsiasi cosa si faccia in TV, salvo poi sottostare al "cappio" dell'audience che strangola quei programmi meno visti. Siccome questo fatto avrà in futuro un grosso impatto sugli introiti pubblicitari della RAI stessa, questa sta cercando già di correre ai ripari con l'impegno di aumentare il canone che sembra essere stato preso dal ministro Romani nel corso della telefonata di congratulazioni con il direttore generale Rai Lorenza Lei per essere riuscita a dare il benservito a Santoro. Nel corso del colloquio telefonico pare che la Lei abbia manifestato tutte le sue preoccupazioni circa il futuro dell'azienda e Romani abbia promesso un intervento del governo. Il governo dunque aumenterà il canone? Potrebbe farlo. E potrebbe anche agganciarne il pagamento alla bolletta elettrica. Un modo per combattere l'evasione. Su questa ipotesi starebbe facendo leva la Lei. Sembra quindi che il canone oggi a 110,50 euro subirà un'impennata. A quanto pare, infatti, l'aumento del 2011 non è stato sufficiente e i conti della tv di Stato continuano a scricchiolare.

nonno enio

16 commenti:

  1. è emerso che l'evasione del Canone RAI delle famiglie si attesta intorno al 41% con punte che arrivano fino al 87% in alcune regioni quali Campania, Calabria e Sicilia, mentre quello delle imprese si attesta intorno al 96%.

    RispondiElimina
  2. Avevo letto di questa possibilità di agganciarlo alla bolletta elettrica: E se uno non ha la televisione deve pagare comunque? Sarebbe una tassa oltremodo iniqua.

    RispondiElimina
  3. @alberto
    a parte che l'abbonamento Rai è una tassa di possesso adesso applicabile a chiunque sia in possesso di un apparecchio radio o tv, funzionante o non, mi domando e dico come caxxo fa allora Mediaset a rimanere in vita ?
    Non ci chiede un euro di canone e fa pubblicità tanto quanto ne fa oggi la rai!!
    Iniziate a non spendere miliardi e miliardi in compensi a presentatori coglioni e ospiti inutili.. vedrete che i conti poi tornano..
    Altrimenti affrettatevi aprivatizzare anche la rai... svincolandola così dalle cosche dei partiti io sono stufo di buttare soldi nel canone per una tv che tralaltro non vedo quasi mai, che non mostra altro che la pubblicità!!!!!Io tra l'altro ho da 2 anni Sky e guardo tutto lì.

    RispondiElimina
  4. "Abbasseremo le tasse", disse qualcuno più e più volte... Ma vaff...!!!

    RispondiElimina
  5. Della serie : attuano la peggiore censura dei programmi e delle idee, fanno scappare i giornalisti non asserviti e poi pretendono che il popolo paghi l'indennizzo della loro arroganza ed incompetenza ? Ma sono veramente indecenti !!!! La Rai ormai può chiedere i battenti, non serve e il livello degli ascolti lo dimostra ampiamente. A chi serve un servizio pubblico a parole per riscuotere il canone, ma vuoto di contenuti e che prende ordini dal Governo come fossimo in regime di dittatura ? Meglio LA 7 e auguriamoci che arrivino lì anche Floris, Fazio, Gabbanelli, Littizetto...

    RispondiElimina
  6. Ripeto per l'ennesima volta: nel 1995 è stato votato un referendum che abrogava la legge secondo cui la RAI doveva essere controllata dallo Stato, con lo scopo di procedere alla sua privatizzazione.

    Siamo una repubblica delle banane.

    RispondiElimina
  7. L'ultima porcata del governichio e della rai è
    stata quella di dare il benservito a Santoro.
    Quanti pecoroni e servi che girano in Italia.

    RispondiElimina
  8. ovunque guardiamo, troviamo qualcosa che aumenta ...

    RispondiElimina
  9. Sì, ma se il pagamento fosse obbligatorio per tutti, mi aspettarei un importo minore da pagare...

    RispondiElimina
  10. ricordiamoci, per favore, che nelle percentuali della presunta evasione dal pagamento del canone sono compresi anche quelli, e sono TANTI, che la tivù non ce l'hanno. Io sono tra questi, e ne conosco molti altri a cui la tv semplicemente non interessa. Scelta criticabile, magari, ma è così. e ci teniamo informati tramite i quotidiani. e saremmo anche stufi di ricevere i bollettini per il pagamento, che ogni volta li restituiamo con annessa spiegazione ma ci ritornano puntualmente ogni anno. BASTA, per favore. se volete, venite a controllare di persona, vi faccio anche il caffè, ma poi BASTA!

    RispondiElimina
  11. Caro Nonno, tutto fila bene, Rai in crisi meglio per B. Il bello é che a nessuno viene in mente di dire che le TV di B sono ormai tv pubbliche.

    RispondiElimina
  12. L'aumento è un'ipotesi a dir poco vergognosa! Sempre più cattiva qualità del prodotto proposto e devo pure pagare in più????????!

    RispondiElimina
  13. Forse non si vuole ammettere che è una delle tante gabelle che ci portano ad una tassazione tipo svedese con prestazioni non svedesi. Cosa ovvia che un servizio va pagato e se uno lo vuole paga se non gli interessa non paga. Non potrebbe una RAI fare come mediaset e SKY con slot e tessera che sicuramente i napoletani clonerebbero, ma sempre meglio di intere zone che evadono al 100% canone e non solo. Sulle case idem e cosi su corrente acqua e imondizie. Ci pensa poi la minoranza che lavora a compensare tutto con le rapina sulla busta paga che non ha eguali in Europa.

    RispondiElimina
  14. E'assurdo. Fosse un contributo simbolico, ma il canone che paghiamo è davvero esagerato.Poi d'estate iniziato le repliche..del niente!

    RispondiElimina
  15. Santoro ci ha guadagnato e lo Stato come sempre sperpera. Peccato.

    Un abbraccio

    RispondiElimina