20 dicembre 2013

Chieti - Slot, quando è il governo a spacciare

Slot machine, scoppia un polverone dopo il via libera in Senato a una norma che penalizza gli enti locali impegnati a mitigare gli effetti sociali del gioco d'azzardo e in particolare delle slot machine. L'emendamento (inserito nella conversione del decreto «Salva Roma») del Nuovo centro destra prevede decurtazioni dei trasferimenti dallo Stato a Comuni e Regioni che applicano norme a salvaguardia dei soggetti deboli (distanze minime da scuole e altri centri di aggregazione eccetera). L'emendamento alfaniano richiama la diminuzione di introiti all'erario provocata da disposizioni territoriali che inaspriscono la regolamentazione nazionale. Perciò gli enti locali saranno cinicamente chiamati a «rimborsare» lo Stato. Ma cosa abbiamo, caro Alfano, lo stato biscaziere che spaccia macchinette sul territorio e che poi deve curare i malati di slot, che punisce chi cerca di combattere con i pochi mezzi a sua disposizione una piaga sociale come il gioco d'azzardo legalizzato?  MA SIAMO FUORI DI TESTA? E' questo è il nuovo PD?  E' questo il  Nuovo Centro Desta? Ma per favore, andate tutti a lavorare "lazzaroni che no siete altro" e soprattuttto VERGOGNATEVI! Ma questi che installano le slot, non sono quelli che sponsorizzavano Letta? Perchè gli hanno fatto uno sconto (!) sulle tasse pagare allo Stato(2,7miliardi) ridotti solo a pagare pochi milion? Bloccate tutte le licenze, finchè non  pagano i miliardi dovuti. Basta giochi d'azzardo legalizzati in Italia. Non lasciano aprire questi casinò, per finanziare quelli del PD che hanno anche il monopolio delle sale BINGO! Il voto ha visto 140 senatori votare a favore e 128 contrari: oltre a tutte le opposizioni, si sono dissociati quattro esponenti Pd, fra i quali Laura Puppato. Ora il decreto, che scade il 30 dicembre, è atteso in aula a Montecitorio, dove ieri peraltro è saltato l'accordo fra i capigruppo per chiudere il calendario dei lavori entro lunedì. Non si esclude una riapertura della Camera fra Natale e Capodanno, anche perché l'esecutivo ha molta fretta di approvare un altro provvedimento criticato dalle opposizioni e dai dissidenti nel Pd: il ddl Delrio «svuota Province».

nonnoenio

15 commenti:

  1. Questo governo non funziona; prima si cambia meglio è!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io vorrei un altro Governo, ma nel caso specifico cosa c'entra con un emendamento approvato dal Parlamento?

      Elimina
  2. Uno Stato che incrementa il gioco d'azzardo e che quindi contribuisce in maniera determinante alla rovina dei propri cittadini e allo sconquasso delle famiglie. La rovina delle famiglie sarà la rovina di quello Stato. Mi meraviglio del quasi silenzio del mondo giornalistico e soprattutto della Chiesa.

    RispondiElimina
  3. E' come con il fumo. Lo Stato fa la guerra ai fumatori, ma ci guadagna sempre lui. Per fortuna io non ho mai fumato. Ciao Enio, Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oltre a far la guerra contro i fumatori adesso con le tasse sulle sigarette elettroniche ha fatto fallire decine di negozi, aperti da ragazzi, nella mia regione... c'è stato un calo pauroso anche nell'uso di questi oggetti. Dove mette le mani lo stato lo fa per "mungere" soldi.

      Elimina
  4. Caro Enio, se lo stato non lo facesse, ci penserebbe la mafia a ripulire le tasche di quei poveri cerebrolesi che mettono soldi dentro una macchinetta elettronica e pensano che sia stata programmata per distribuire ricchezza.
    Lo stesso penso per le droghe, sarebbe meglio che le vendesse lo stato piuttosto che riempire le carceri di tutti quei poracci che previdenti, oltre alla dose personale, vengono beccati con qualche dose in più od addirittura con 4 piantine di canapa coltivate sul terrazzo.
    Però poi i delinquenti mafiosi cosa farebbero per campare?
    Probabilmente aumenterebbero i rapimenti e le rapine, perchè quelli lo sanno dove sono i soldi ed i nostri caporioni che li hanno sarebbero preoccupati.
    Nel mentre ti lascio arrovellare sul cosa sia meglio farsi,
    visto che tutto ciò comunque è passeggero come noi tutti d’altronde, lasciami salutarti con la mia solita banalità di fine anno a conferma che sì, anche noi, ci siamo ancora
    ed allora àbbiti i miei più cari auguri di pace e serenità e che il nuovo anno possa realizzare la maggior parte dei tuoi desideri
    pace e bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. almeno si facesse pagare le tasse sulla quantità impressionante di soldi buttati in queste macchinette sanguisughe.Dovevano allo stato 2,7 miliardi di euro e si stanno accordando per una multarella di 600 milioni e non è detto che la paghino...

      Elimina
    2. La cosa assurda è proprio questa: non solo lo Stato non tutela i più deboli lasciando che sperperino soldi in macchinette mangiasoldi ma poi nemmeno riesce ad incassare le tasse dovute. Quindi i soldi munti tramite queste macchinette finiscono tutti nelle tasche di qualche mafioso. Oltre che nelle tasche di quei politici che le favoriscono ovviamente intascando laute bustarelle per permetterlo. È un sistema marcio fino all'osso

      Elimina
  5. Anche nel mio comune c'è una specie di guerra contro queste strutture, inutilmente. Adesso pure lo Stato contro?
    Non va per niente bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. saranno costretti a metterci riparo e subito perchè sono tantissimi i comuni che stanno mettendo un freno all'installazione di questi mangiasoldi sfascia famiglie.

      Elimina
  6. Tanti Cari Auguroni per un Buon Natale e un Felice Anno Nuovo, Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. contraccambio gli auguri Fabio e li estendo a tutti i lettori di questo blog

      Elimina
  7. Tanti auguri di Buon Natale!!!!

    RispondiElimina
  8. Speriamo che tutto torni nella logica e nel buonsenso.
    Auguri di buon Natale,Costantino.

    RispondiElimina