19 settembre 2015

Chieti - La piccola profuga «gattona»


Pigiamino con pupazzetti, bavaglino, e ricci rossi spettinati: la piccola «gattona» e si guarda intorno con curiosità, poi si siede. Non è al nido o in un giardino, neanche nella sua cameretta, ma sull’autostrada Istanbul-Edirne, davanti a un cordone di polizia. Una baby-profuga siriana di neanche un anno che aspetta, anche lei, di passare il confine tra Turchia e Grecia mentre i militari, schierati dietro gli scudi anti-sommossa, la osservano incuriositi. Qualcuno non può fare a meno di sorridere.

12 commenti:

  1. Bellissima e dolcissima! Dite a Frau Merkel di mandare la sua auto blu a prenderla!

    RispondiElimina
  2. Povera piccola!spero che lei e la sua famiglia trovino una sistemazione.

    RispondiElimina
  3. E' una immagine ributtante per il semplice fatto che è costruita. Il fotografo per guadagnare la pagnotta, cioè fare una foto da vendere, ha dato due soldi alla mamma per mettere la bambina li e fargli le fotografie. D'altra parte chi acquista le immagini dovrebbe avere un "codice deontologico" rispetto alle immagini di minori però, esattamente come i processi, dipende cosa dicono gli "amici", l'obbligo diventa discrezionalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come fai a sapere che è costruita? Come fai a sapere che sono stati dati dei soldi alla madre? Dove sta scritto che è accaduto questo? Quali prove hai per formulare simili accuse?

      Elimina
  4. Cambia eccome. Ne parliamo allo sfinimento nel blog di UomoCoso quindi non ha senso ripeterlo qui. Per farla breve, tutta la questione dei "migranti" è una collezione di bugie.

    RispondiElimina
  5. ADESSO VA DI MODA FOTOGRAFARE I BAMBINI PER COMMUOVERE IL MONDO? IL PROBLEMA E' SEMPRE: CHI PAGA?

    RispondiElimina
  6. Sono miseri quei padri musulmani che usano il proprio bambino per impietosire l’opinione pubblica dei paesi occidentali. Saranno infelici quei bambini che, diventando adulti, vivranno la vergogna dei padri sciagurati e codardi fuggiti in terra straniera anziché combattere per la riconquista del proprio territorio e della libertà negatagli dai combattenti terroristi dello stato islamico. Italia destati dal torpore, respingi l’invasore che mira a usurpare valori e dignità della nazione, nel rispetto del popolo italiano e dei soldati che hanno combattuto e che sono morti nelle guerre di liberazione e a difesa della Patria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma hai letto quello che scrivi?

      Elimina
    2. Sara, la domanda appropriata era: ma hai connesso il cervello alle dita che si muovono sulla tastiera del pc?

      Elimina
  7. Ciao Enio. . Se non fosse per i commenti (pessimi) che sono seguiti, il tuo post sarebbe veramente di quelli che fanno sorridere e, magari, sperare anche in un mondo migliore.

    Ma ci sono i commenti, appunto... gente capace di affermare che la foto del bambino annegato e spiaggiato sulla costa turca è un fotomontaggio!

    E allora, pensi che non sono "i migranti" il problema ma quella schifezza di connazionali tra cui vivi! Gente veramente pessima, gretta, egoista, con 10 centimetri di pelo sullo stomaco. Gente anonima che in quell'anonimato dovrebbe sprofondare e vivere alienata... se non ci fosse la rete a dargli visibilità e, purtroppo, spazio in cui vomitare,

    Ciao Enio e buona serata.

    RispondiElimina
  8. è adorabile <3 sarebbero questi i delinquenti, i pericolosi criminali?

    RispondiElimina