29 settembre 2015

Chieti - Il ragionier Fantozzi restaurato


Ritornano al cinema, restaurati in 2k a 40 anni dalla prima uscita del 1975, due film di Fantozzi, distribuiti dalla Eagle Pictures. La vita del ragionier Ugo Fantozzi, interpretato da Paolo Villaggio oscilla tra una famiglia mostruosa e un’azienda soffocante, nella quale il nostro eroe tenta invano di corteggiare la signorina Silvani. Indimenticabile è la scena con la signorina Silvani prima del viaggio di Fantozzi al casinò con lo spietato Mega direttore clamoroso Duca conte PierCarlo ing. Semenzara.


9 commenti:

  1. Quante risate! Una maschera italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande personaggio, ricordo la risata che feci quando lui piantando un paletto della tenda si da una martellata sulla mano e per non disturbare gli altri accampati, corre lontano e urla nella valle come faceva Tarzan...

      Elimina
  2. Siamo però nella "era post-fantozziana".

    Ai tempi di Fantozzi esisteva il "posto fisso" dentro l'azienda megagalattica. Era l'ecosistema di Fantozzi, Filini, la signorina Silvani, eccetera.

    Oggi Fantozzi sarebbe un privilegiato rispetto a tutta la gente che ha un posto di lavoro "precario", non solo in conseguenza dei "contratti atipici" ma anche del semplice fatto che tutte le aziende, perfino le banche, riducono il più possibile il personale.

    Il Fantozzi di oggi è un disoccupato di cinquant'anni. Una figura che tutti fanno finta di non vedere.

    RispondiElimina
  3. La più fedele rappresentazione della realtà !

    RispondiElimina
  4. Ogni tanto riguardo qualcuno di questi film . Fantozzi mi faceva ridere ma mi faceva anche un pò pena. Un saluto

    RispondiElimina
  5. confesso che quando trasmettono qualche film del Rag. e ne vedo almeno un pezzo, ai tempi la sua sottomissione mi faceva quasi rabbia, ora che ne abbiamo viste di tutti i colori riesco anche a ridere .) ciao

    RispondiElimina
  6. Vorrei prima di tutto dirti che sono completamente d'accordo sui due post precedenti ed in modo particolare per quello della Merkel. Per quanto riguarda i film di Villaggio possiamo dire che non sono stati dei capolavori, ma in ogni caso ci ha fatto ridere sia con le parole che con la sua faccia da bonaccione. Li rivedrei con piacere. Ciao.

    RispondiElimina
  7. sono stati un mito in quelli anni, ma sopratutto c'erano el dinamiche dell'ufficio di quelli di ieri e d'oggi

    RispondiElimina