24 giugno 2012

Formigoni indagato


Anche lui? Ma quì fra un pò non si salva più nessuno. Ha ragione Renzi, tutti a casa, basta così. Pare che il governatore della Lombardia Roberto Formigoni sarebbe indagato per corruzione e finanziamento illecito nell'inchiesta avviata dalla procura di Milano su 70 milioni di euro che il polo privato della sanità, Fondazione Maugeri, avrebbe pagato negli anni al consulente-mediatore-faccendiere Pierangelo Daccò. Ci sarebbe illecito finanziamento elettorale di oltre mezzo milione di euro nel 2010 in vista della campagna di Formigoni per le Regionali lombarde, e corruzione per la somma dei molteplici benefit di valore come vacanze, soggiorni, utilizzo di yacht, cene e altro, messi a disposizione del governatore lombardo dallo stesso Daccò.Insomma corruzione e finanziamento illecito sono i reati ipotizzati dalla Procura di Milano nei confronti del governatore della regione Lombardia. Da parte sua Formigoni, non solo non ha intenzione di dimettersi, ma «sereno e tranquillo» ha negato ogni addebito in un crescendo di dichiarazioni: da un «non ne so nulla» a «la notizia è destituita di ogni fondamento», da le accuse «sono false» a «su di me nessuna indagine in corso». Poi la richiesta di una smentita al Corriere della Sera per aver pubblicato in anteprima proprio la notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati. «Ho sempre detto che queste accuse che vengono sollevate su di me sempre e solo sui giornali sono false e che se qualcuno dimostrasse che ho portato vantaggi a Daccò mi dimetterei» ha aggiunto qualche ora dopo precisando che le accuse andrebbero dimostrate «in maniera inoppugnabile» e che «non basta scriverle sui giornali». Io lo conoscevo, in tempi non sospetti 10 anni fa, come il ciellino serio, duro e puro, quello che non si era mai sposato che viveva in un albergo modestissimo a Milano, quasi in ritiro monastico, accudito da delle suore che si curavano di lui e della sua biancheria, lavandogliela e stirandogliela tutti i giorni. Lui che i soldi li devolveva in buonissima parte in beneficenza e che teneva per sè solo lo strettissimo necessario! Se tutte queste accuse fossero provate solo in minma parte ci sarebbe proprio di che preoccuparsi e chiedersi se non sia il caso di un'altra mani pulite.

37 commenti:

  1. Anche lui, a sua insaputa, ha ricevuto dei regali dal suo amico. Ma che strani i politici di quest'ultima generazione! Avrei bisogno anch'io di un appartamento per mia figlia, ma ricordatevi di darmelo a mia insaputa, altrimenti mi offendo!

    RispondiElimina
  2. come le tre scimmie: non sa, non vede, non sente...

    RispondiElimina
  3. Tutto questo è semplicemente scandaloso!! Come può un giornale, il corriere della Sera, sapere prima del diretto interessato se uno è indagato o meno?? Misteri italiani.... va beh1 che le indagini sò segrete ma in questo caso???

    RispondiElimina
  4. In Italia non si sa se è la Stampa che usa la Magistratura o la Magistratura che usa la Stampa o se tutte e due sono usate dai politici. Fatto sta che dai tempi di DiPietro accusatore in TV si decidono carriere e governi pubblicando indiscrezioni sulle indagini e/o con gli avvisi di garanzia. Ormai i processi e le eventuali condanne sono un orpello decorativo e inutile.

    Come non notare che del caso Penati, annesse cooperative "rosse", non si sa più nulla, mentre di altre faccende si sente in continuazione sui giornali e sulle TV.

    Scrivo come "anonimo", cosi faccio contento l'altro "anonimo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... secondo me, stampa e magistratura complottano contro i nostri onesti e capaci politici! Insomma, i soliti comunisti che vogliono instaurare una nuova dittatura in questo onesto Paese e prima di passare a mangiare i bambini, iniziano con i politici!!

      A proposito, "anonimo" che tutti conosciamo, le indagini sul "caso Penati" stanno andando avanti, nonostante il silenzio della stampa e della magistratura comunista!!

      Addirittura, se tu dassi uno sguardo alla stampa comunista, avresti saputo che su la Repubblica del 6 giugno scorso, si annunciava la fine delle indagini e che Penati e Vimercati erano rinviati a processo!

      Peccato che i magistrati comunisti hanno già ipotizzato, annunciandolo sulla stampa comunista (la Repubblica e il Fatto Quotidiano, per esempio) che per salvare il culo al Cainano al processo "Ruby", l'onesto Parlamento che ci ritroviamo stravolgerà il DDL anticorruzione in discussione, in modo che salveranno il Cainano ma salteranno anche altri gran bei processi... tra cui quello di Penati!!!

      Elimina
    2. Di cosa "ipotizzino" i magistrati penso non fregi una beneamata a nessuno.
      Tranne nel caso in cui "ipotizzare" significa trascinare qualcuno in giudizio, che dura minimo 10 anni, per poi concludersi con un nulla di fatto di cui i magistrati non sono tenuti a rispondere. Un po' come se un chirurgo "ipotizzasse" che tizio abbia una cancrena, gli amputasse un arto e poi quando si scopre che l'arto era sano dicesse "eh ma la responsabilità civile dei chirurghi mette a rischio l'indipendenza della chirurgia" e "il chirurgo, dovendo scegliere tra procedere e rischiare di essere chiamato a rispondere o non procedere, potrebbe decidere di non procedere per cautelarsi".

      Elimina
  5. puoi tranquillamente leevare il punto interrogativo dal titolo del post..
    ciao

    RispondiElimina
  6. @anonimo

    sono contento che sei tornato a scrivere. A me interessano i commenti non i nick, ogni parere espresso liberamente e quì, nei limiti del possibile non esistono censure, è per me importante.

    RispondiElimina
  7. Aspetta che si faccia vivo "anonimo".

    RispondiElimina
  8. Aggiornare il proverbio, please. Oggi come oggi, una persona oculata risparmia come una formigona.

    Notizie che non fanno più notizia. Ormai gli italiani si sono adattati al malaffare, non si scandalizza più nessuno. La politica ,che dovrebbe avere l'alto compito di perseguire il bene della comunità dei cittadini, é diventata tutto un magna magna. Chi decide di scendere in politica lo fa esclusivamente per scopi personali, prima di tutto le retribuzioni, che sono altissime rispetto a tutte le altre attività che si possono intraprendere oggigiorno, e poi gli intrallazzi clientelari, le amicizie che si creano sulla base di interessi interpersonali che comportano sempre dei benefici diretti o indiretti. Se la politica dominante non porterà presto rimedio a tutto questo, di grillini ne nasceranno parecchi.Si torni alla polichica per vocazione, pochi soldi e tanto, tanto entusiasmo nel farla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi il fatto è che i difetti della "politica" di cui ti lamenti erano già presenti quando fu inventata la "democrazia" nell'Atene dell'età classica.
      Il voto implica lo scambio di favori, tu mi voti e io ti garantisco una bancarella al mercato, un posto nell'ufficio comunale, una dazione di pane, i giochi, eccetera.
      E i candidati non hanno la "vocazione", concetto mistico, fanno della politica una professione, come vendere aspirapolvere.

      Per cui già nella Atene antica si era capito che la migliore approssimazione al "governo virtuoso" non era la democrazia ma il governo aristocratico.

      Ovviamente poi, sia i "politici" che gli "aristocratici" sono lo specchio del Popolo che li produce. Una società decadente come la nostra produce politici cialtroni e inconcludenti ma questo dipende dal fatto che gli Italiani sono mediamente cialtroni e inconcludenti. Aspettarsi che chi governa sia un "modello" di virtù in mezzo ad un oceano di cialtroni vuol dire vivere di favole.

      Elimina
    2. E il demagogo sfrutta le favole, come quella appunto che esista una "separazione" tra i politici disonesti e i cittadini onesti.

      Elimina
  9. @giovanotta

    hai perfettamente ragione.... ho provveduto

    RispondiElimina
  10. Vedrai, Enio, anche questo sant'uomo si salverà dalla magistratura comunista!! Basterà stravolgere, come stanno facendo, il DDL anticorruzione in discussione in Parlamento!! Anche pochi giorni fa, il Cainano ha comandato: questo governo, non è stato incaricato di occuparsi di corruzione!!!

    Meglio svuotare le nostre tasche!! Più divertente!!!

    Ciao e buona serata a te!!!!

    RispondiElimina
  11. Il punto che l'Italiano minorato non riesce a cogliere e che l'Italiano ipocrita preferisce ignorare è che tra l'indagine e la condanna passata in giudicato c'è una certa differenza.

    Che essere "indagato" non significa essere colpevole.

    E in ultimo che i processi non si fanno sui "media" e nemmeno, come propone il buon PolPot-Grillo, in piazza davanti ad un Tribunale del Popolo.

    In un mondo ideale i politici si dovrebbero dimettere quando ci fossero dubbi sulla loro "moralità".

    Ma noi viviamo in Italia dove NIENTE e NESSUNO ha una "moralità", quindi sarebbe già un progresso incredibile se i politici si dimettessero quando ci fossero dubbi sulla loro competenza, oltre ovviamente le condanne passate in giudicato.

    Possiamo dire qualsiasi cosa su Formigoni ma la sua responsabilità è quella di governare la Lombardia. Se chiediamo le dimissioni di Formigoni per come governa la Lombardia allora della maggior parte degli altri "governatori" dovremmo chiedere la decapitazione e lo squartamento.

    Ricordo a tutti che in Italia solo 4 o 5 regioni hanno il bilancio in pareggio o in attivo. Tutte le altre 15 succhiano soldi dallo Stato, spesso producendo buchi di bilancio che assomigliano a voragini. E mentre producono questi passivi, sono anche capaci di farti trovare i topi in camera operatoria o metà della regione bruciata o le scuole che crollano e via via.

    Chissà con che criterio la magistratura sceglie cosa indagare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... solite chiacchiere per confondere chi legge!!

      Guarda che Formigoni non è mica indagato "per come governa la Lombardia"!!!!

      Formigoni è indagato per CORRUZIONE E ILLECITO FINANZIARIO!!

      Elimina
    2. Per prima cosa se chi legge si "confonde" leggendo quanto sopra probabilmente dovrebbe stare in un istituto con qualcuno che gli pulisce la bava.

      Seconda cosa, il concetto elementare è che il fatto che Formigoni sia indagato non ha alcun significato. Infatti essere indagati non significa che esista una sentenza definitiva e che quindi si sia colpevoli. Significa solo che ci sono delle indagini in corso. Cosi come quando fai l'esame del sangue non vuol dire automaticamente che tu abbia il diabete. Magari hai l'epatite o magari niente.

      Per cui l'unica cosa su cui si può misurare Formigoni in questo momento è il modo in cui ha amministrato la Lombardia.

      Mi piacerebbe che si andasse a vedere come vengono amministrate le altre Regioni italiane e mi piacerebbe anche che i magistrati si occupassero delle infinite truffe in cui si disperde la Spesa Pubblica, oltre gli stipendi degli statali. Senza contare ovviamente quelle Regioni che sono sotto il controllo militare delle mafie e dove la gente rimane latitante per vent'anni senza muoversi di casa.

      Elimina
  12. E anche con che criterio sceglie le cose da passare ai "media".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... come, con quale criterio? Ma è la magistratura comunista!! Che criterio vuoi che adotti? Danneggiare i bravi, onesti, capaci e competenti politici della destra per instaurare nel nostro Paese una dittatura comunista!!

      Elimina
  13. Sempre a beneficio di chi intende confondere le idee ed a proposito dell'assunto che "...i processi non si fanno sui media e nemmeno, come propone il buon PolPot-Grillo, in piazza davanti ad un Tribunale del Popolo...." ricordo che

    il magistrato, agisce in nome e per conto del "popolo italiano" quando emette la sua sentenza, quindi, il POPOLO è coinvolto e come nel processare presunti colpevoli di reati!!! Se non "in piazza", sicuramente nelle aule di tribunale!!

    A proposito dei processi sui media, inoltre, ricordo che l'attuale indagine su Formigoni è scaturita da una trasmisisone di Report su Rai3, in cui si denunciavano i legami tra l'Istituto della Congregazione dei Figli dell'Immacolata di monsignor Decaminada e la Nerviano Medical Services, azienda che opera nel settore dei farmaci e che Formigoni ha acquistato dai frati nonostante un buco di 180 milioni di euro... naturalmente tutto a carico della Regione Piemonte.

    I magistrati di Roma, a seguito della trasmissione di Report, hanno iniziato ad indagare.

    Il "modo" in cui Formigoni ha proceduto all'acquisto, è oggetto d'indagine!

    Poi, ci sono le vacanze con la barca del faccendiere, le vacanze pagate con "collette".... e tante altre belle cosine che "il popolo" farebbe meglio a sapere, giudicando l'operato di chi lo rappresenta e senza aspettare i "tempi" di un processo e, soprattutto, il silenzio che leggi ad hoc vuole far calare su tutto ciò che riguarda gli "intoccabili".


    Ciao Enio, buona giornata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi correggo:

      tutto a carico della Regione Lombardia e non Piemonte

      Elimina
    2. Quindi se io agisco a nome e per conto tuo, tu sei coinvolto. Ebbe, logica inoppugnabile.

      Il fatto che i magistrati aprano le indagini dopo avere guardato la TV, indipendentemente dal fatto che sia TeleKabul, direi che la dice lunga. La logica conseguenza è eliminare la magistratura, sia inquirente che giudicante, tanto è inutile e assegnare alla TV il potere giudiziario. Facciamo che si risolve tutto in una trasmissione dedicata, tipo "Forum".

      Elimina
    3. Oppure come dice PolPot-Grillo, facciamo un sondaggio sul suo sito, tipo "Carlo è colpevole di abigeato? Si - No."
      E sotto "guarda il risultato del sondaggio". Giustizia amministrata direttamente dal Popolo (della Rete, quindi migliore).

      Elimina
    4. In genere, sono sempre propenso a dichiarare di "non essermi spiegato" quando un interlocutore replica, dimostrando di non aver capito il senso di quello che ho espresso.

      In questo caso, invece, faccio un'eccezione perché sono convinto che a non aver capito na ceppa di minchia sono il tizio che si firma Anonimo e quello che, a ruota, ha colto la palla al balzo!

      State bene così, non ho alcun interesse a convincervi del contrario!

      Elimina
    5. Esiste un'altra opzione riguardo il senso di quello che hai espresso. Il problema vero non è che tu abbia espresso un concetto sensato o meno ma che il concetto non ti appartiene.
      Piuttosto è l'ennesima ripetizione di uno dei "luoghi comuni" di cui vive la maggior parte degli Italiani.
      I quali Italiani preferiscono gli slogan predefiniti un po' perché gli conviene e un po' perché non gli è mai stato insegnato altro.

      Vogliamo credere in questa religione fantasmagorica per cui l'Italia affonda in un lago di cacca per colpa di Formigoni e dei "politici disonesti" (che ovviamente sono prevalentemente di destra che a sinistra hanno la patente di onestà per definizione).

      Tanto non cambia nulla. Domani vado a fare benzina e il gestore della pompa ha opportunamente taroccato il meccanismo. E mentre se la ride per gli euro che mi frega, mi dirà "te vist il formigun".

      Elimina
    6. Sentir definire "luogo comune" quanto da me espresso, da uno che definisce "TeleKabul" una rete televisiva italiana (luogo comune tanto caro al Papi nazionale) fa tanto "bue che dice cornuto all'asino!!!"

      Ovvero, fa ridere!!

      Stammi bene!!!

      Elimina
  14. tutto a sua insaputa naturalmente...
    un saluto

    RispondiElimina
  15. Poverino, faceva solo "le vacanze di gruppo"!

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  16. @Kylie

    Questo signore, in quanto a capo dei ciellini della Lombardia, pare abbia fatto voto di povertà e castità,( e penso anche di onestà tanto che c'era ), non si dimette, perchè secondo un suo personale metro di giudizio non lo ritiene necessario anche se è indagato da almeno 30 giorni e la regione Lombardia è la più inquisita d'Italia, nega e querela il Fatto Quotidiano e il Corriere della Sera. Questo è il prototipo della classe politica e diringeziale scaturita dal PDL. Per loro essere inquisiti fa solo aumentare i titoli e fare il salto di qualità e entrare in parlamento. Questo è il loro percorso, niente di nuovo sotto il sole. Il ciellino non si dimetterà mai e continuerà ad esercitare il suo mandato fino alla scadenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enio, i "voti" sono funzione della appartenenza ad un ordine religioso. I "ciellini" non sono un ordine religioso. Sono un "movimento", cioè delle persone che si ripromettono di portare gli ideali cristiani nella pratica del fare quotidiano.
      Cosa voglia dire dipende sostanzialmente dal fatto che tu sia un credente o meno. Io per esempio non sono credente quindi osservo ma non condivido.

      Il fatto che la Regione Lombardia sia la più inquisita d'Italia sarebbe comico se non fosse vero. Non so se ti rendi conto di quello che stiamo scrivendo. Non so se ci rendiamo conto di cosa sono le altre Regioni. E non so se poi ci rendiamo conto delle implicazioni del fatto che la Magistratura indaga solo in Lombardia.

      Riguardo a Formigoni, lo ripeto, non è colpevole fintanto che non si arriva a sentenza. La ragione per chiederne le dimissioni non è il fatto che ci siano delle indagini in corso ma il fatto che la Lombardia sia male amministrata.

      Elimina
    2. "...Non so se ci rendiamo conto di cosa sono le altre Regioni..."

      Insomma, come a dire "così fan tutti"!!

      Alla faccia dei "luoghi comuni" degli altri!!!!

      Elimina
  17. @Ernest
    ne ho visti tanti arrampicarsi sugli specchi, mauno come Formigoni, no, non l'avevo mai visto ! Scaiola e la sua casa comprata a sua insaputa, Fini e l'appartamento del cognato, Tremonti e l'affitto in nero di casa a Roma, Bossi e la sua famiglia a spendersi i soldi pubblici dei rimborsi elettorali, Rutelli ed il suo tesoriere a incassare e spendersi i soldi della Margherita, Berlusconi ed il suo stalliere ex mafioso messo lì per controllarlo (lui dice proteggerlo), Bersani ed il suo bel Penati, quanti, dopo una breve arrampicata, hanno ceduto, ma Formigoni, no, lui è insuperabile, scivola ma rimane attaccato, lo spiderman della regione Lombardia è TOSTO, non molla, ma, forse ci vorra Grillo per risolvere tutti questi peroblemi ? io, nel dubbio! ma non riesco a vedere altre soluzione oggi.Processi pubblici con il "popolo" a giudicare e a indicare che deve andare a casa e la pena (pecuniaria) da restituire e il posto dove fare attività socialmente utile e per quanti anni e senza stipendio alcuno... magari a pane e acqua 5 giorni su sette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, ci pensa Grillo.
      Ogni popolo apparentemente ha i suoi profeti. Il concetto dei "processi pubblici" con "il Popolo a giudicare" scusa ma sono una idea demenziale. Mi sembra idiota anche ripeterlo, dovrebbe essere ovvio a chiunque abbia più di sei anni e più di due neuroni in testa.

      Elimina
    2. ... e quale sarebbe l'alternativa? "il Popolo solo a pagare"??? Oppure, ti piace "il Popolo a pecoroni"??? No, forse sarebbe meglio tornare a votare il Papi nazionale, quello che ci vuole tutti ottimisti e sorridenti, un po puttane, un po delinquenti... che ci fa pure rima!!! Quello che "mi faccio i cazzi miei e voi arrangiatevi come potete"!!! Si, decisamente il Papi perché "stavamo meglio quando stavamo peggio!!!

      (adesso si che ho usato un "luogo comune" in perfetto stile italiota!!!)

      Elimina
  18. Ciao Enio. Le discussioni, da te, sono uno spasso!! Lo dico seriamente! Se dovessimo ridurci a confrontarci tra noi, alla fine sarebbe una noia mortale!! Tu proponi sempre riflessioni interessanti e poi.... sulle stesse si sviluppa anche il divertimento!!

    Teniamocela stretta questa simpatica compagnia altrimenti.... addio divertimento!!

    Per ora, ti anticipo il mio "buon fine settimana". Domani, a Roma ladrona non si lavora!! E' il santo patrono!!! Roma ladrona.... e gli altri, i ciellini duri e puri, fanno i fatti!! Che ridere!!!!!!

    RispondiElimina
  19. @Carlo
    innanzitutto buon fine settimana e buona festività del Patrono. Da noi si è già festeggiato S.Giustino in maggio...

    Per quanto riguarda Formigoni forse è giunta l'ora della resa dei conti.Sti giudici ultimamente, come nel caso di berlusconi e figliolo, non hanno paura di fare brutte figure, vanno avanti imperterriti per la loro strada e di mezzi, oggi per colpire questi "ladroni" ne hanno: intercettazioni e ispezioni bancarie, almeno quì in Italia e se poi ci si accordasse con la Svizzera, come ha fatto la Germania, sarebbero caxxi senza zucchero per parecchi evasori parassiti.


    @anonimo
    Tanto di cappello per come è stata amministrata la Regione Lombardia fino ad oggi, ma attenzione, dalle mie parti, si suol dire che tre indizi potrebbero essere una prova. Prima il "bell'uomo" viene eletto con lista e listini, con false firme ed i magistrati non dicono niente (l'elezione è comunque fasulla), poi il caro governatore si ritiene libero di farsi pagare le ferie e quanto altro da una persona che ha avuto sempre mazzette dalla sanità e dichiara di aver restituito tutto (pagava uno per poi dividere le spese) e mai ha dimostrato il fatto e per finire, dice: "non sono indagato e chiedo smentita e pubbliche scuse". Dopo poche ore risultava indagato; io spero che riesca a dimostrare come si pagava queste benedette ferie, come pagava le gite su barche di lusso messe a sua disposizione per anni oppure come si pagava 100.000 euro di voli per l'america centrale, come non poteva esere al corrente che la Maugeri potesse pagare "mance" di così alto livello ed altri ospedali costretti quasi fare la fame (senza poter eseguire analisi cliniche, con la mutua per mancanza di rimborsi certi) ecc. ecc. Io gli auguro buona fortuna perchè penso ne abbia veramente bisogno, nei sui panni, ci penserei due volte a denunciare a destra e a manca per avere rimborsi dai giornali che hanno pubblicato la notizia, accusandoli di diffamazione...potrebbe pentirsene in sede processuale.

    RispondiElimina