27 maggio 2018

Tra i 2 litiganti lo spread vola

Era da almeno sette anni che lo spread non tornava a fare così paura. Dai tempi dell’ultimo governo Berlusconi, seguito da quello tecnico guidato da Mario Monti. Ieri, i mercati sono tornati a scommettere contro l’Italia facendo lievitare il differenziale di interesse tra i Btp a dieci anni e gli equivalenti Bund tedeschi fino a quota 216. E solo nella parte finale della giornata, il trend si è invertito limando l’impennata a 204 punti base. In ogni caso, circa 80 punti in più rispetto al livello lasciato in eredità dall’esecutivo uscente. Ogni calcolo è naturalmente approssimativo, molto dipenderà da quello che si registrerà sui mercati nei prossimi mesi. Ma cento punti di differenziale del nostro spread valgono circa 20 miliardi di euro in più sugli interessi che paghiamo ogni anno per onorare le scadenze del nostro debito pubblico. Era da almeno sette anni che lo spread non tornava a fare così paura. Dai tempi dell’ultimo governo Berlusconi, seguito da quello tecnico guidato da Mario Monti. Ieri, i mercati sono tornati a scommettere contro l’Italia facendo lievitare il differenziale di interesse tra i Btp a dieci anni e gli equivalenti Bund tedeschi fino a quota 216. E solo nella parte finale della giornata, il trend si è invertito limando l’impennata a 204 punti base. In ogni caso, circa 80 punti in più rispetto al livello lasciato in eredità dall’esecutivo uscente. Ogni calcolo è naturalmente approssimativo, molto dipenderà da quello che si registrerà sui mercati nei prossimi mesi. Ma cento punti di differenziale del nostro spread valgono circa 20 miliardi di euro in più sugli interessi che paghiamo ogni anno per onorare le scadenze del nostro debito pubblico. Più o meno quello che servirebbe per finanziare il reddito di cittadinanza e lo stop alla riforma Fornero.

7 commenti:

  1. Da questo punto di vista, il probabile governo Conte non è partito con il piede giusto e, non a caso, è stato subito punito dai mercati. Speriamo che la lezione serva a qualcosa.

    RispondiElimina
  2. Ciò che sta avvenendo in queste ultime ore è molto preoccupante. Non siamo tra quelli che si stracciano le vesti di fronte al tentativo di Lega e M5S di formare un governo. Hanno vinto le elezioni, dispongono dei numeri alle Camere e dunque ci provino. Destano però perplessità i toni da crociata, lo scontro istituzionale con il Colle, l’appellarsi al popolo contro l’Ue in nome dell’italianità, il trovare a tutti i costi un nemico esterno. Se lo spread sale, ciò non è dovuto ad una congiura ordita dalla Merkel e dalle potenze straniere. La questione è più banale: il «rischio Paese» dell’Italia per gli investitori internazionali sale. Ci spieghiamo meglio: qualcuno comprerebbe titoli di Stato del Burundi o della Mauritania? Difficile. Dunque se l’Italia viene percepita come più inaffidabile chi ci mette i soldi scappa o chiede interessi più alti. Ora abbiamo lo scudo Bce, ma poi?

    RispondiElimina
  3. Speriamo bene per il futuro del nostro paese, sempre in mezzo a beghe e intrallazzi.
    Un caro saluto Enio,silvia

    RispondiElimina
  4. "Destano però perplessità i toni da crociata, lo scontro istituzionale con il Colle, l’appellarsi al popolo contro l’Ue in nome dell’italianità, il trovare a tutti i costi un nemico esterno."

    Ma sei pazzo?
    I "toni da crociata"? Ma te li ricordi i giorni precedenti le elezioni con la chiamata alle armi dei centri sociali contro la minaccia nazifascista?

    Il "nemico esterno"?
    Il nemico ce l'abbiamo in casa ed sono i cattocomunisti. Ovvero tutta la cosiddetta "sinistra", che ormai comprende qualsiasi cosa, da Soros ai vescovi passando per i sopracitati centri sociali.

    Il Presidente è un vecchio residuato bellico messo li come napolitano dagli stessi che hanno messo li i vari Monti, Letta e Renzi.

    Ti farei presente a proposito dei patrimoni delle famiglie italiane, i fallimenti delle banche venete e la nazionalizzazione forzata di MPS e i giri di parenti e amici degli amici tipo DeBenedetti.

    Il "rischio paese". Non sai di cosa parli, o meglio, non sai cosa stai ripetendo a macchinetta. Ci pensa Mattarella a sistemare il "rischio paese", vedrai.

    Intanto, abbiamo finalmente archiviato una volta per tutte la rottura di scatole di andare a votare. Ne faremo a meno in futuro. Peccato che quando si smette di votare inzia a tirare una brutta aria o come si diceva quando ero ragazzo, iniziano a volare i paduli ad altezza d'uomo.

    RispondiElimina
  5. Ottima disamina Enio. Mi chiedo dove andremo a finire guardando inoltre la foto del tuo precedente post. Ritengo che il Berlusca potrebbe già mettersi in posa nel museo delle cere visto il suo aspetto dopo non si sa quanti interventi estetici. A parte questo posso dire che qui in Francia il governo italiano non trova molto apprezzamento. Ciao e buona settimana, malgrado tutto.

    RispondiElimina
  6. e nonostante lo spread abbassato allo 0,5 il nostro debito in questi ultimi 7 anni è aumentato di 320 miliardi di euro, probabilmente invece di approfittare di questo freno agli interessi i gloriosi caporioni dell'immaginifico ne approfittarono per aumentare le prebende a loro ed ai loro amici. Non resta allora che il sacrificio, quello di ercole, non resta che abbattere le colonne, fateve le provviste e rinchiudetevi a casa

    RispondiElimina
  7. Sembra tutta un teatro, personalmente sono disgustato mi preoccupa l'aumento del debito, mi ha fatto ridere un operatore internazionale che ha detto che gli italiani devono lavorare di più, forse non sanno che in molti il lavoro non ce l'hanno e come fanno a lavorare di più?

    RispondiElimina