25 agosto 2017

Conserviamo i nostri valori sempre


Puntuale, è arrivata via web la minaccia che la prossima volta toccherà all’Italia. Ma anche se i propagandisti dell’Isis non avessero diffuso attraverso la facile autostrada dei social il delirante annuncio di terrorismo - non è la prima volta che lo fanno -, da tempo gli italiani si chiedono come difendersi dal rischio di attentati che, nel mondo, hanno già insanguinato più di venti nazioni. Di queste, quasi la metà in Europa, e con vittime anche italiane. Ora è stata presa di mira la Spagna, dove Barcellona è diventata l’ultimo simbolo: ben trentacinque passaporti diversi avevano in tasca le persone colpite. Un universo di libertà e felicità per lo jihadismo della morte e dell’odio. Che il pericolo ci sia, e che nessuna frontiera si riveli a prova di cellule armate né di lupi solitari, lo sappiamo perfettamente. Per quante barriere anti-sfondamento si possano piazzare attorno al Colosseo, e militari in divisa o agenti in borghese mobilitare nelle aree più esposte delle città, la tragica esperienza vissuta da troppi europei insegna: nessuno può impedire a un singolo fanatico al volante, o con un semplice coltello in mano, di causare una strage.


6 commenti:

  1. mi sono sempre chiesto perchè l'Italia l'ha fatta sempre franca con questi attentati e non ho mai trovato una risposta plausibile

    RispondiElimina
  2. Coraggio, italiani singoli o con famiglia senza un tetto, OCCUPATE VOI le case, o resterete per strada, nelle vostre macchine e roulotte, mentre le case andarrno tutte a stranieri che, nel 95% dei casi, non avrebbero nemmeno diritto a stare in Italia! Se c'e' da occupare, che almeno siano gli ITALIANI!

    RispondiElimina
  3. tranquilli, la sinistra non verrà mai rieletta proprio grazie agli immigrati

    RispondiElimina
  4. la sinistra, in particolare Minniti, è preoccupato per l'ordine pubblico e per le situazioni di attrito che si incominciano a verificare in tutta Italia. Sta correndo ai ripari e si sono ridotti gli sbarchi a cifre accettabili, fidando in tempi migliori.In Italia è sempre così, si cura dopo invece di prevenire.

    RispondiElimina
  5. "Che il pericolo ci sia, e che nessuna frontiera si riveli a prova di cellule armate né di lupi solitari, lo sappiamo perfettamente."

    Questa frase manifesta l'incredibile incomprensione della realtà.

    Quali frontiere? Tra i Paesi europei non ci sono frontiere. Tra l'Europa e l'Africa c'è il mare coi traghetti gentilmente pagati da noi (Marina Militare, Guardia Costiera) e pagati da Soros (le ONG).

    Ma non è questo il problema perché i terroristi sono quasi sempre persone o nate in Europa o che vi risiedono da anni e anni. Ce li abbiamo come vicini di casa insospettabili, fanno le pulizie o consegnano le pizze, fino a che non gli scatta la molla.

    Il Piano delle "elite apolidi" prevede esattamente questo, frammentare l'Europa in mille etnie in conflitto, fare saltare gli Stati e "balcanizzare" tutto, per poi imporre il Nuovo Ordine Mondiale, a cui stanno lavorando dai primi del Novecento.

    RispondiElimina
  6. Dunque, vediamo... puntuale è arrivata la "minaccia".
    Chi è che minaccia?
    Quelli dell'Isis.
    Sicuri?
    Si, le hanno diffuse con un video su internette!
    A beh, allora sono proprio loro.
    O no? O magari è la solita falsa notizia di qualcuno che vuole diffondere paura? Oppure è uno scherzo di qualche folle burlone scosso dal caldo?

    Scusa, Enio, una domanda. Tu scrivi "Per quante barriere anti-sfondamento si possano piazzare attorno al Colosseo e militari in divisa o agenti in borghese mobilitare nelle aree più esposte delle città... nessuno può impedire a un singolo fanatico al volante... di causare una strage"

    Ma ti sembra normale che sempre dopo uno degli attentati come quello alla redazione di Charlie Hebdo o del prete della parrocchia di Saint Etienne du Rouvray oppure della strage di natale 2016 a Berlino o della strage di Barcellona o prima ancora di Nizza... esce fuori che questo o quel servizio segreto era stato avvertito da quell'altro servizio segreto... che questo o quel tizio terrorista era stato attenzionato da questa o quella polizia... che questo o quel mussulmano era stato in Siria e poi era rientrato (senza problemi) ma, soprattutto, che questo o quel terrorista era comuque ed a pieno titolo un cittadino tedesco o francese o spagnolo???

    Ma non è che i primi a fare terrorismo sono quelli a cui fa comodo credere che i terroristi ce l'hanno con noi? Ma non è che come le stragi di mafia, qualcuno chiude gli occhi perché gli fa comodo?

    RispondiElimina