02 giugno 2016

Chieti - Un pò di giustizia



Confermata la condanna a 16 anni di reclusione per il naufragio della Concordia a Francesco Schettino, l'ex comandante della nave. Lo ha deciso la Corte d'Appello di Firenze. C'è da ricordare che l'ex comandante della nave Francesco Schettino, sceso dalla nave dopo il disastro, venne fermato a terra poche ore dopo il naufragio sull'isola. Fu portato in carcere. Scarcerato, da allora è impegnato a far valere una sua verità che - in base ai riscontri tecnici emersi nel tempo - gli fanno attribuire colpe importanti agli ufficiali che si trovarono in plancia di comando quella sera, che secondo lui non lo avvisarono per tempo della rotta verso l'isola, e al timoniere indonesiano che per incomprensioni linguistiche equivocò l'ultimo ordine decisivo, dato da Schettino in inglese, virando dalla parte opposta al necessario.Una bella faccia tosta non c'è che dire.

@nonnoenio

11 commenti:

  1. Quanto tempo dovrà passare prima che il fighetta entri in carcere? Poi, pet quanto riguarda gli ordini impartiti, li ha fatti in inglese o in napoletano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vicenda della Concordia è una perfetta metafora del Paese Italia degli ultimi trent'anni. Monito per chi deve affidare incarichi di responsabilità e non valuta le capacità e l'adeguatezza delle persone rispetto alle responsabilità loro affidate.

      Elimina
  2. Lui era impegnato con la peripatetica che si era portato a bordo come passatempo.
    Un vero gentleman ..

    RispondiElimina
  3. lasciateci cantare

    cor mandolino in mano

    RispondiElimina
  4. "...gli fanno attribuire colpe importanti agli ufficiali che si trovarono in plancia di comando quella sera, che secondo lui non lo avvisarono per tempo della rotta verso l'isola, e al timoniere indonesiano che per incomprensioni linguistiche equivocò l'ultimo ordine decisivo, dato da Schettino in inglese, virando dalla parte opposta al necessario.."
    e lui dov'era, durante una manovra del genere? a spasso?..imbarazzante, tanto quanto per il fatto di aver abbandonato la nave.
    qualunque sia la pena, spero abbia modo e tempo di ripensare a ciò che ha fatto o cmq lasciato fare. e si penta.

    RispondiElimina
  5. Ma quand'è che effettivamente entra in galera questo personaggio e incomincia a vedere il cielo attraverso una finestrella con la grata?

    RispondiElimina
  6. Lo penso anch'io perché credo che babordo e tribordo siano delle parole comprensibili in tutte le lingue. Non sa proprio più cosa inventare. Inoltre in caso di problemi è sempre il responsabile degli uomini che è in colpa, oltre al fatto che il capitano è sempre l'ultimo ad abbandonare la nave ( Titanic insegna). Ciao Enio, buon fine settimana.

    RispondiElimina
  7. Aspetta, che c'è ancora la cazzazione da affrontare: mister cola-navi-a-picco verrà sicuramente assolto.

    RispondiElimina
  8. Davvero una brutta persona Schettino. L'immagine dell'Italia peggiore...

    RispondiElimina
  9. peggiore ma molto diffusa...

    RispondiElimina
  10. Sulla faccia tosta sono completamente d'accordo. Passo sopra.

    RispondiElimina